I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Abdul

di Paolo Rossi su Smemoranda 1995 - Con il cuore e con la mente

In realtà questa è la storia di un pezzo comico che fu presentato il 14 aprile 1983, anzi che doveva essere presentato il 14 aprile 1983 al Derby Club, noto locale di cabaret a Milano. Lo spettacolo, che era per me uno dei primi, stava andando bene e io ero proprio un bel comichino che lavorava col cuore, con una mente lucidissima e una bella faccia. Avevo anche un po' di fegato, ma non a sufficienza. 
Nell'arroganza dell'esordiente preso dalle risate del pubblico mi fissai su uno che non rideva. Era un tipone grosso, camicia bell'aperta con peli e catena d'oro e due bionde vere, anche loro con camicia aperta. Gli chiesi come mai non rideva e lui "Numme fai ride' ed è mejo chette ne vai". Così dicendo estrasse un cannone (nel gergo della mala: pistola un po' più grossa di una Beretta) e lo posò davanti alle bionde e a fianco dello champagne sul tavolo.Io con estremo coraggio dissi: "Lo spettacolo è finito, grazie e arrivederci."
Il pezzo non fu più rappresentato, nonostante fosse stato pensato col cuore e vissuto con la mente. Ora, a distanza di 10 11 anni, che il cuore c'ha un po' di tachicardia, la mente non è proprio tirata a lucido nel senso che non è proprio scattante la mattina, il fegato è più grosso di sicuro, la faccia non è più o meno quella mi è venuta voglia di rifarlo. Cosa mi ha fatto cambiare idea? Sicuramente non il cuore né la mente né il fegato né la faccia...ma il culo che in tutti questi anni non mi ha fatto più incontrare un tipo così
Ciao, ciao bell'Italia son venuto col trenino assai piano ma assai vicino come un sogno che mi ammalia Io vi ho visto in televisione voglio anch'io giocare col pallone sono grezzo ma son campione mezzo Baggio mezzo Manicone.
Ma chi sei, chi sei, chi sei Sono un mediano di nome Abdul gioco in riserva giù nel Gabul e nella giungla profonda e nera tiro nel culo della pantera Nel blu dipinto di blu felice di stare quassù
Ma che nebbia , sceso dal treno , ma che nebbia Scusi ? Un essere umano... scusi ? 
Mister, Mister... 
Sagh'è... 
Ma che modo di parlare, scusi , sono un mediano del Gabul corro sulla fascia fino alla morte, faccio anche alcuni metri da deceduto Sa mica dov'è la sede del Milan ...
Ma va' via va'... che cassu me frega a mi che tieni all'Atalanta Ma che lingua barbara , mi scusi Atalanta... cos'è? Giocate con gli zoccoli...?
No... è una squadra con le maglie nere a righe blu "
Ah anch'io giocavo in una squadra a maglie nere e righe nere" E che maglia è, scusi " Niente giocavo a torso nudo, e alloraaa Ma va' via negher... 
Che brutta lingua , mi scusi va via negher, che brutta lingua
Ma chi sei, chi sei, chi sei Sono un mediano di nome Abdul gioco in riserva giù nel Gabul e nella giungla profonda e nera tiro i tacchetti e buonasera Nel blu dipinto di blu io e la palla ci diamo del tu
Vado per la mia strada... ma che nebbia S'è mai visto un negro nella nebbia infatti non si vede 
Occio al tram Devo cercare una luminaria ,un'edicola Un'edicola. Scusi edicolante vorrei un'informazione Prima te me cumpret il giurnal, poi te do l'infurmaziun
Eh ma come cazzo parlate? Mi scusi Non per essere razzista... comunque mi dia pure un giornale
Mi dia la gazzella dello sport Che giurnal l'è Un giornale sportivo Ma che titul l'è la gazzella dello sport 
Un titolo fantasioso Non come voi che vedo avete dei giornali... avete un giornale chiamato " il Giornale"
quello che l'ha inventato ha avuto l'ingegno il giornale... il Giornale deve essere... sarà uno che ha chiamato suo figlio : Figlio ,cane: Cane
Noi abbiam fantasia... Ma va via negher Ammò !?! Sto anch'io parlando come voi adesso mi sto imbarbarendo mio medesimo
Guardi vado via, vado via tanto... mi son stancato Io c'ho talento,
io adesso mi metto a palleggiare a st'incrocio trovo una lattina...
se Maometto non va alla montagna... anzi se Maometto non va alla sede del Milan
la sede del Milan va da Maometto Ueh negher
Chie è... Scappa negher Cus'è .. sto già parlando...
Scappa negher gh'è una pantera Pantera? E alloraaa Ho paura io di una pantera nella giungla ...
A moré chi sei che vuoi documenti chi sei che vuoi Sono un mediano di nome Abdul ero in riserva giù nel Gabul e nella notte profonda e nera fammi un contratto come Rivera
Ma... ma è modo di massaggiare coi manganelli?
cazzo ma un modo di massaggiare un giocatore coi manganelli? se mi dovete ingaggiare mi dovete prendere con la forza? Ma che squadra siete?
Squadra mobile Cazzo vuol dire squadra mobile, scusi. E' chiaro che deve essere mobile una squadra 
Mi han portato giù in ritiro località amena San Vittore Con tutta la squadra duemilacinquecento un cazzo di turn-over pieno di giocatori stranieri, slavi,
marocchini giocatori brasiliani con le calze di naylon io pensavo che si potessero truccare le partite ma le mezz'ale no...
Adesso sto qui in cella mi alleno con la palla dicono che non passo mai la palla per forza c'ho la palla al piede. Slegami che ti faccio dei cross... poi arriva uno e fa " Uhe negher..."
Sagh'è? (perchè ormai parlo anch'io come gli indigeni)
Sagh'è, dimet, dimmi su dai... sagh'è Espulso
ma se non neanche cominciato a giocare scusate mi state facendo perdere l'identità calcistica E io sto qui a palleggiare ma anche a chiedermi...
Ma chi son chi son chi son...
Sono un mediano di nome Abdul ero in riserva anche a San Vittur e dalla giungla della galera io torno a casa con la pantera Nel blu dipinto di blu io non ci tornerò più Nel blu dipinto di blu io non ci tornerò più.

Advertisement