I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

Vittoria! Vittoria!

di Paolo Rossi su Smemoranda 1994 - Amici e nemici

Questo brano tratto dallo spettacolo Pop e rebelot è dedicato dal giullare al nemico che fu anche fonte di gags e di idee. 
Al fine li stiamo sconfiggendo annientando i ladri i nemici i potenti i briganti – voi capite gentili lettori di chi sto parlando – “hic signis vincis!!” (sarebbe In hoc signo vinces: Paolo Rossi dice di non riconoscersi nella grammatica italiana, figurarsi in quella latina... ndr) scriviamolo sugli striscioni e sotto strusciamoci stretti mano per mano. 
Siam tutti denti e sorrisi l’Imperatore è caduto! Il delfino è scappato! Al grande cognato i nervi hanno ceduto! E l’architetto di corte purtroppo ha parlato e l’Imperatore al complotto ha gridato il delfino più lontano è scappato il cognato è svenuto e il figlio l’erede al trono l’idiota – voi capite gentili lettori di chi sto parlando – di fronte a queste male parate sta lì fisso muto e se parla mormora solo cazzate, ma che importa, chi lo ascolta oramai è vittoria! Solo questo odo nell’aria riecheggiare lo cantano gli usignoli sui rami dai parchi e dalle televisioni è Vittoria!
E’ Vittoria! L’onestà ha trionfato! Evviva Evviva la continuità dello stato! Che muore e si rinnova come il serpente che di rado cambia la pelle e il potere da sempre lo fa, ma che importa : E' Vittoria! Usciamo per strada uniamoci agli altri al popolo in lotta. La lotta! La lotta! E chi non si unisce alla lotta è un gran figlio di... ma che importa! Ormai è Vittoria!
Che tra loro alcuni non ci piacessero e li ritenessimo anche stronzi a volte talvolta sempre, che importa la Vittoria ci rende pari simili tutti mondati, domani vedremo. Oggi voglio scendere per strada e festeggiar la Vittoria, ma prima di farlo e di unirmi alla folla, mi bevo il vinello da questa mia grolla.
Eccomi per via, che gioia che brezza che dolce follia. Salve o giorno onesto, Ciao sole generoso e onesto e Ciao aria onesta e pulita! Pulita? Non importa solo onesta perché niente ci avevi promesso, It’s a wonderful day, socmel; io tutti saluto e mostro le mani pulite! pulite! Così ci si saluta (mostrando le mani): It’s a wonderful day, two socmel, pulite! Pulite! Non ci ho un cazzo sono pulite! Ciao dammi un cinque: Pulito! (Sempre mostrando le mani). Ciao banchiere!
Ops scusa bancario, si vedeva che eri pulito e ciao droghiere! E anche tu Ciao macellaio... che sei un gran ladro, ma non importa, oggi voglio vederci tutti onesti e puliti. E ciao povero! Pulito! Non hai di che vivere? Ti manca tutto, anche i denti? Ma che importa il povero non mastica, ingoia manda giù e va oltre.
Su allegro se muori da onesto in una città che lotta per essere onesta; It’s a wonderful day, three socmel. Entro in un bar: “Cameriere, pulito!, un cappuccio un krafen e una spremuta per me!” Consumo saluto e poi esco e solo un grido s’ode nell’aria riecheggiare e il cameriere che sostiene che devo pagare! E' vero, ha ragione, mi scusi, sa è un giorno speciale, non è un pretesto, son distratto ma resto un onesto.
Ed eccomi in mezzo al corteo, al corteo degli onesti. Marciamo onesti, vicini marziali – felici – accaldati. Qualcuno mi palpa il culo – ii azz è! – ma non importa. Siam stretti pulsanti vicini ma onesti. Cadenziamo il passo, e la voce cristallina e pulita ci esce, qualcuno mi ritocca il culo, ma non c’è astio né odio in quel gesto, mi volto, lo cerco incontro solo sorrisi, o son tutti o nessuno, chiunque sia che mi tocchi, che goda gioisca anche lui ma da onesto. Oggi c’è solo il giorno della Vittoria, io non tocco io abbraccio. Io bacio sorrido e tengo per mano il genere umano, ma soprattutto questa bella fanciulla che per caso o per onesta fortuna vicina mi è capitata. Pure lei è gioiosa felice sudata ma onesta e pulita e accaldata ma onesta “Mademoiselle le offro una birra” “Ma Monsieur... non saprei, non vorrei approfittarne.” “Ma lo faccia, approfitti, da onesta ma approfitti! 
Gliela pago di cuore a Lei che tanto gentile e onesta pare in questo giorno radioso e solare (incomincia a frugarsi nelle tasce) in mezzo a questa folla festante, sana nobile onesta e pulita... Cazzo!
Mi han ciulato il portafoglio! Di giuro!!!” Ma come tradimento! Miei prodi... Ma come siam qui tutti onesti amici a celebrare il nuovo corso e voi mi ciulate il portafoglio... Cosa vuol dire che nelle resse li han sempre rubati, a me prima non era mai successo. Rubavano ma ai contribuenti. D’accordo, anch’io son ero un contribuente, ma il trauma è diverso! 
E lei non mi rompa i coglioni, se adesso la birra la vuole se la paga. Tanto gentile e tanto onesta PAARE! Andateci voi al comizio alla festa! It’s a wonderful day ‘sto cazzo! L’imperatore è caduto, ma qualcosa ha lasciato, non so se il figlio, il delfino o il cognato o chi altro di nuovo ma a me il culo me l’hanno toccato e il portafoglio me l’hanno rubato, i nemici, o son rimasti o son tornati.
(E se ne va imprecando e lamentandosi).

Advertisement