I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Il deserto nella tempesta

di Sergio Sacchi su Smemoranda 1994 - Amici e nemici

S’ode a destra uno squillo di tromba: noi non abbiamo paura della bomba! (chissà se è vero, chissà se è vero...) 
L’aeroplano vola, marcondirondero, e va per la perduta gente.
Dietro una curva, improvvisamente, il mostro divorava la pianura; non sarà un’avventura: su nel cielo aperto e poi giù il deserto per vedere se è così difficile morire.
Scendi pilota, fammi vedere, scendi a bassa quota. La risposta è caduta nel vento: ricordo che son morto in un momento, son morto con altri cento.
Passata è la tempesta, dubbi di qualunquismo son quello che mi resta:
chi siamo noi, e dove andiamo noi? che cosa posso dirvi? andate e fate! io vorrei, non vorrei, ma se vuoi... vuolsi così colà dove si puote! e se domani io non potessi? del doman non v’è certezza! allor, con gli occhi vergognosi e bassi, non resta che qualche svogliata carezza...
In queste frasi vuote la stessa forza della dinamite: si è spento il sole lontano, lontano.
Parole, parole, parole e le labbra fanno il verso all’areoplano.
Pianto antico: ci vorrebbe un amico.

Advertisement