I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Quinta elementare, Scuola E. de Amicis anno 1965

di Gemelli Ruggeri su Smemoranda 1993 - La notte

Per me la notte è il momento più brutto del giorno.
Infatti viene di notte, quando è così buio che delle volte, per vedere qualcosa, bisogna chiudere gli occhi o aprire il frigorifero.
Mio fratello è così grasso che quando apre il frigorifero rimane buio.
Per me la notte è il momento più brutto del giorno
anche perché c'è troppo silenzio e così si sentono di più i rumori, soprattutto le macchine che suonano quando l'Italia ha vinto, o quando ha pareggiato ma stava per perdere, o quando ha perso e allora è un matrimonio.
La notte serve a dormire, come il letto.
A casa mia il letto c'è, ma non si riesce tanto a dormire, perché il papà russa, la mamma pure, e tra loro si divertono perché sono abituati a essere sposati, ma io non sono ancora abituato.
C'è una bella differenza tra la notte e la nottata:
la nottata può essere molto brutta o molto bella,
la notte è sempre mediocre, però senza la notte non c'è il giorno dopo e per me questo è grave.
Una volta c'è stata l'eclissi.
Mio fratello è così grasso che quando passa davanti alla finestra è come un'eclissi.
Ruggero Ruggeri

Per me la notte è il momento più bello del giorno.
Infatti viene di notte, quando è così buio che si possono vedere tutte le cose che non si vedono di giorno, come la luna, le stelle e la scritta FARMACIA.
Mio fratello è così magro che la scritta FARMACIA la vede molto più grande di come la vedo io.
Per me la notte è il momento più bello del giorno
anche perché delle volte si può andare a letto tardi, se no è ancora la sera.
La notte serve a divertirsi, come il letto.
Si può stare in casa a fare l'amore con la ragazza, o andare a ballare con la fidanzata o, quando è molto tardi, andare a comperare il giornale prima che esca, per sapere quello che deve ancora succedere.
C'è una bella differenza tra la notte e la nottata:
la nottata è quando si sta svegli, e così è uguale al giorno, la notte è quando dormi dall'inizio alla fine, e così passa ma non ti accorgi neanche che c'è.
Al Polo Nord la notte o c'è o non c'è.
Mio fratello è così magro che se c'è o se non c'è è lo stesso.
Ruggeri Ruggero
Advertisement