I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Fra le 4 e le 5

di Umberto Gay su Smemoranda 1993 - La notte

La notte è di classe. Non è una proposta di dibattito: è un'affermazione categorica, una convinzione certa. 
La notte è realismo spietato che ogni bluff annulla e qualsivoglia trucco e rappresentazione artificiale disperde. La notte nasconde il sole che regala calore e luce senza distinzioni. Il buio e il freddo, suo complice, indicano senza pietà chi ha casa e chi non ce l'ha; chi è esente da calcoli su luce e gas e chi ci ragiona ogni mese.
Le ore fra il tramonto e l'alba catalogano infallibili i propri utenti dividendoli in elenchi categorici: i moltissimi comandati al sonno, indispensabile per presentarsi in forze all'appuntamento obbligato della produzione; i molti a cui è concesso sfrenato e spudorato svago; i (sempre) troppi impegnati a vivere intensamente, maledettamente tutte le notti.
E così via e via, ed ancora via, e sempre e comunque via così...
La notte è di classe viene da urlare. E' di nuovo il momento in cui ci si deve schierare, si deve scegliere senza ambiguità con chi stare.
E, allora, fra tutti con i più reietti o i più addolorati o i più tragici o i più asserviti... o con i più coraggiosi.
Con i lavoratori dei turni di notte di ogni lavoro. Non importa quale sia l'attività più faticosa o ingrata.
Sono tutti uniti dall'essere estraniati dai ritmi di vita, di socialità, di scelte della maggioranza delle donne e degli uomini e, soprattutto, dal ritmo di quell'orologio biogenetico naturale che implacabilmente differenzia il giorno dalla notte.
Con la moltitudine per cui già l'imbrunire è angoscia profonda. Un vuoto che attanaglia tutti coloro che conoscono il freddo della notte; a volte di più a volte di meno, comunque per tanti, interminabili mesi.
Sono quelli senza casa, centinaia, migliaia ogni notte italiana; decine di migliaia ogni notte newyorkese. Ma anche quelli da... "case povere" dove vige una prassi molto particolare di riscaldamento "autonomo": corpi su corpi o vestiti su vestiti.
Con quei "topi" che frugano per appartamenti, automobili, negozi in cerca di piccole ricchezze mai possedute i più per costrizione, alcuni per libera scelta. 
Con le puttane, le transessuali, le venditrici/venditori di sesso facile ma anche di qualche istante di sembianze d'amore e gratificazioni. Simboli esagerati di rapporti umani dal senso comune censurati ma abbondantemente indotti dalla moderna, estremistica mercificazione del tutto.
Addette/i ai lavori offese/i da smog e capricci climatici attaccate/i da complessati e volgari; bistrattate/i da moralismi e ipocrisie.
Con i volontari di tutte le fedi e gli ideali che rubano al proprio riposo e al proprio svago ore importanti per dimostrare che qualcuno c'è per chi ha maggior bisogno, più urgente, più delicato.
Con i tossici di ogni droga. Per loro la notte è l'inferno di una dose non trovata, di dolori lancinanti inarrestabili, di solitudine immensa.
Oppure è spazio di scomparsa totale: da ogni ricordo, da ogni emozione, da ogni sfogo onirico, annegati in un sonno innaturale, troppo profondo, pochissimo naturale.
Con tutti quelli a cui paure, preoccupazioni, angoscie esistenziali impediscono il sonno. Privati di uno dei beni più importanti: la possibilità di sognare e, quindi, di vincere almeno un minuto delle 24 ore, di essere fino in fondo felici, spregiudicati, pienamente liberi.
Con i "carbonari" di ieri, di oggi, di domani che sfruttano la notte per immaginare/pianificare idee e emozioni che guidino loro e tutti verso più belle libertà.
E così via e via, e ancora...
Per tutti questi la notte, ogni notte è fatica, dolore, rischio e sacrificio. Ma, come tutte le dee potenti e spietate, proprio a loro, a quelli che la passano, la Notte dona il più bello degli eventi.
A secondo delle stagioni, fra le 4 e le 5 del mattino: quando, all'improvviso, tutto è silenzioso, tutto appare in una totale immobilità.
E' un attimo di forza immensa, come se la terra intera inspirasse tutta l'aria che esiste. E poi è un respiro infinito, un vivere totale.
E tutti gli uccelli cantano, ogni albero, ogni filo d'erba vive. Solo a loro, di quella classe che necessita di maggior amore e a tutti i loro simili, questo momento è dedicato.

Advertisement