I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

Sogno di un amore

di Gemelli Ruggeri su Smemoranda 1992 - Sogno e utopia

Ti Perdo 
Forse non ti ho mai avuto o conosciuto,
ma diciamo che ti perdo.
Disperato,
perchè è così che bisogna essere,
mi butto dalla finestra.
Una forza inspiegabile mi spinge verso il basso.
Mi rendo conto che ciò è normale e subito mi tranquillizzo.
Cado a terra, ma è acqua. Inutile resistere: nuoto sapendo di nuotare.
Vedo un'isola, ma non ci credo e continuo a nuotare.
Tocco con la mano ma continuo lo stesso.
Mi graffio gomiti e ginocchia e così soffro,
credo inutilmente.
Dunque un'isola.
Dopo un po' un lago: nuoto ancora.
E ancora un'isola.
E ancora un lago.
Nuoto più forte di prima (mi ero risparmiato).
Ancora e finalmente un'altra isola, anzi due, ma non ci casco e rimango unito.
Dove andare: destra o sinistra?
Destra!
Ti cerco, ma invano.
Stanco di nuotare torno indietro a piedi.
Credo di sapere dov'eri e questo mi basta.
Musica

Advertisement