I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Sogno

di Gino&Michele su Smemoranda 1992 - Sogno e utopia

Sogno un palla 
una palla di Nutella
che arriva tesa in cross in un'area
affollata
ed io che insacco con una gran leccata.
Sogno una Svizzera sporca e indebitata.
Sogno la Basilicata
dove non sono mai stato
ma sento che ormai non posso pi- farne
senza:
come si fa a morire senza aver visto
Potenza?
Sogno una vita con meno violenza.
Sogno la scienza
al servizio dell'uomo
che inventi, che è ora, un orgasmo che dura.
Quanto? Non tanto, diciamo come
un'abbronzatura.
Sogno che scenda Bergum de hura.
Sogno la iettatura
come arma di riscatto:
chi ha poco si possa almeno toglier la briga
di portare ai ricchi una grandissima sfiga.
Sogno Andreotti sopra un'autolettiga.
Sogno una riga
una bacchetta magica
che con pochi tocchi sapienti e umanitari
trasformi la mia mamma nella ragazza del Campari.
sogno di fare il sindaco di Bari.
Sogno una Ferrari
rossa e proletaria
con cui inseguire i ladri e i padroni guidando come Senna tra le mie contraddizioni.
Sogno di ereditare da Silvio Berlusconi.
Sogno i barboni
che assaltano il Palazzo
e a dormire sotto i ponti tra la Bora e il Garbino
ci mandano gli Armani, le Krizia e i Valentino.
Sogno, a un matrimonio, di mutare l'acqua in vino.
Sogno Cirino Pomicino
che con Pippo, Pluto e Topolino si presenta alle elezioni a Varigotti e viene trombato dalla Banda Bassotti.
Sogno una repubblica fondata sui biscotti.
Sogno Jovanotti
che, in seguito a un incidente,
diventa improvvisamente intelligente e si costituisce per vilipendio della gente.
Sogno di essere il più grande poeta dormiente.
Sogno uno studente
che mi scuote e mi tira
mi sballotta e mi sfoglia come un vocabolario.
Sogno la Smemoranda... sono la Smemoranda
il libro, un po' agenda un po' diario.

Advertisement