I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

Alla ricerca dell'isola non trovata

di Sergio Sacchi su Smemoranda 1992 - Sogno e utopia

Ragazzi, è qui la festa? 
Appena cominciata è già finita.
Del nostro amore cosa resta?
Sassi e le cose della vita.
Mio padre ha un buco in gola e questo soffitto viola è solo un attimo senza fine.
Questa casa è tutta da bruciare e dai campi e dalle officine c'è paura di volare.
Che ne sai della nostra ferrovia?
Papà, lasciamo tutto e andiamo via.
Non andare. Vai. Non restare. Stai.
Ma se tu vuoi andare al cine, vai.
Io vorrei, non vorrei, ma se vuoi...
Quanti dubbi tra di noi!
E allora dài, le cose giuste tu le sai: nave, porca nave, vai.
Da questi posti davanti al mare il re di Spagna fece vela "e io ti vengo a cercare" scrisse in una lettera da Marsala.
Ma l'isola non trovata, va da sè, è l'isola che non c'è.
Stupenda l'isola è che clima dolce intorno a me.
Nello specchio di chiara fontanella è bella, comunque bella.
Via del Campo c'è una puttana, eppure il vento soffia ancora l'acqua della chiara fontana è acqua azzurra, è acqua chiara.

Advertisement