I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

Magic Moments

di Morando Morandini su Smemoranda 1991 - Le Americhe

Attraverso Hollywood l'America ha alimentato da molti decenni il nostro immaginario. 
Di questo catalogo disordinato di momenti magici fanno parte sequenze che sono entrate nella leggenda e predilezioni personali. Specialmente per certi autori (Chaplin, Keaton, Hitchcock, Welles...) il lavoro di esclusione è stato cosparso di lacrime, ma ha prevalso la giustizia distributiva.
- il finale all'aeroporto di Casablanca (1942)
- lo scimmione in cima all'Empire State Building di King Kong (1933)
- il duello Tyrone Power-Basil Rathbone in Il segno di Zorro (1940)
- Scarlet O'Hara tra i feriti di Atlanta in Via col vento (1939)
- l'attacco alla diligenza dei Pellerossa di Geronimo in Ombre rosse (1939)
- l'osso lanciato verso l'alto che si trasforma in astronave in 2001: odissea nello spazio (1968)
- la sparatoria nella sala degli specchi di La signora di Shangay (1948)
- Janet Leigh accoltellata sotto la doccia in Psyco (1960)
- Errol Flynn che guida la carica in La carica dei 600 (1936)
- Judy Garland che canta 'Over the Rainbow' in Il mago di Oz (1939)
- la danza dei panini in la febbre dell'oro (1925)
- la danza del mappamondo in Il grande dittatore (1940)
- Burt Lancaster e Deborah Kerr che fanno l'amore sulla battigia in Da qui all'eternità (1953)
- Boris Karloff che incontra la bambina in Frankestein (1931)
- James Cagney che schiaccia mezzo pompelmo sulla faccia di Mae Clark in Nemico pubblico (1931)
- Cary Grant inseguito dall'aeroplano in Intrigo Internazionale (1959)
- Alec Guinness e i suoi uomini che fischiettano "The colonel Bogey March in Il ponte sul fiume Kwai (1957)
- la cabina della nave che s'affolla pazzescamente in Una notte all'opera (1935)
- i fratelli Marx che distruggono un treno in corsa in I cowboys del deserto (1940)
- Edward G. Robinson nudo in vasca col sigaro in bocca in L'isola di corallo (1948)
- il colpo alla gioielleria in Giungla d'asfalto (1950)
- la suspense del colpo di cembali in L'uomo che sapeva troppo (1956)
- la corsa delle bighe in Ben Hur (1959)
- l'entrata in Roma dell'imperatore Comodo (Christopher Plummer) in La caduta dell'impero romano (1963)
- il transatlantico rovesciato di L'avventura del Poseidon (1972)
- Buster Keaton inseguito dalle aspiranti mogli in Seven chances (1925)
- le porte delle cabine che s'aprono e si chiudono sulla nave alla deriva di The Navigator (1924)
- l'autostop di Plaudette Colbert in Accadde una notte (1934)
- Gary Cooper che suona il trombone quando deve riflettere in E' arrivata la felicità (1936)
- Cary Grant che cerca di dormire su una sedia in Ero uno sposo di guerra (1949)
- Marilyn Monroe sul divano in Giungla d'asfalto (1950)
- Lauren Bacall che dice a Bogart: "Se hai bisogno di me, fischia" in Acque del sud (1944)
- Rita Hayworth che canta Amado mio, sfilandosi il guanto, in Gilda (1946)
- Greta Garbo che accarezza gli oggetti e le pareti della camera da letto in La regina Cristina (1933)
- le metamorfosi di Woody Allen in Zelig (1983)
- Gene Kelly nel balletto Alter Ego con se stesso come partner nello specchio in Fascino (1944)
- Fred Astaire e Ginger Rogers che danzano Cheek to Cheek in Cappello a cilindro (1935)
- Katherine Hepburn e Cary Grant che camminano in tandem in Susanna! (1938)
- Laurel & Hardy che trasportano un piano in The Music Box (1932)
- la banda dei Black Angels in motocicletta nell'apertura di Il selvaggio (1954)
- gli elicotteri in volo e la morte di Kurtz (M. Brando) in Apocalypse now (1979)
- Cyd Charisse nel balletto Girl Hunt di Spettacolo di varietà (1953)

Advertisement