I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

Scarafaggi

di Paolo Rossi su Smemoranda 1991 - Le Americhe

Allora, siccome noi siamo comici e siamo molto simili agli animali o alle bestie in genere, dedicheremo il prologo di questo spettacolo agli scarafaggi che sono gli animali che più ci assomigliano. 
Ora mi immedesimerò in uno scarafaggio. Ci sono attori che per immedesimarsi in uno scarafaggio hanno bisogno di ore e ore di training. A me bastano due secondi.
(inizia cantando)
"Odio il mondo, son disperato, son deprivato, da tutti son schiacciato. Sono la bestia che non può camminare, perché non tiene marijuana da fumare, sono pronto per la fossa, la mia luna è rossa, è rossa, è rossa, è rossa."
Son nero, nero, nero...sono brillante, quando le donne mi vedono urlano, quando io vedo una donna scappo.
Scusate il tic, ma per noi scarafaggi il terrore vien dall'alto. Posso riconoscere a distanza lo scricchiolio assassino di una Timberland. Noi possiamo morire di molte morti, la morte ecologica ma sicura del vero cuoio, la fine dolce ma inesorabile delle "espadrillas", la fine esotica di un sandalo cinese, la fine traumatica di un doposci.
Siamo senza ideologie, possiamo morire di destra o di sinistra: non cambia un cazzo, moriamo!
Oddio lo so, non è questione di razzismo, credo sia solo una questione culturale. Voglio dire, sono certo, molti di voi si interessano ai nostri problemi, ma quando lo fanno, quando ci ascoltano lo fanno sempre con il Baygon in mano. Anche se a me personalmente, in piccole dosi, il Baygon mi piace!
Noi avevamo un folklore una volta, una musica. Io avevo un cugino molto bravo, uno scarafaggio che suonava la chitarra.
Un giorno venne catturato da uno psicopatico pazzo omicida e chiuso insieme ad altri tre scarafaggini musicisti dentro una bottiglia di Coca Cola. Il pazzo si divertiva a far ridere gli amici.
Quando arrivavano gli amici diceva: "Volete vedere i Beatles?" Un giorno lo psicopatico per farli divertire di più fece uscire i quattro scarafaggini musicisti dalla bottiglietta e poi disse: "Se voi siete veramente i Beatles chi di voi è John Lennon?"
E mio cugino imbecille disse:"Io!". (lo pesta)
Adesso sono rimasti in tre e suonano il liscio.

Advertisement