I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

5 spot per Kg

di Franz Di Cioccio su Smemoranda 1990 - L'arrivo del 2000

Eccoci entrati nell'ultimo decennio prima del 2000. Non è cosa da tutti i giorni. È un'occasione di quelle importanti in cui bisogna fare i conti con la storia. Vorrei proprio sapere ad esempio cosa ci aspetta dopo quasi quarant'anni di rock'n'roll... Dopo i cosiddetti ruggenti, i favolosi, i di piombo e gli ultimi rappa-rampanti come saranno questi anni novanta? Qui ci vuole un consulto con preveggenza... Davanti a una quartina delle famigerate Centurie di Nostradamus sono rimasto un po' perplesso e scosso nello stesso tempo. Lui è uno che ci prende di brutto... ha sempre previsto tutto, perfino l'avvento del paparazzo! (n.d.r. Papa Luciani dal pontificato meteora). D'accordo, la copia in mio possesso è solo una versione apocrifa trovata su una bancarella alla festa dei Navigli dell'anno scorso ma si tratta pur sempre di un libro di profezie. È bene andarci cauti prima di aire son tutte balle! I versetti sulla musica e dintorni riguardanti gli anni a venire sono chiarissimi. "Mille e non più mille . campionator nefando - replicherà tonsille - ma niun starà cantando!..." Che menagramo. Neanche il Leopardi che in fatto di pessimismo è un vero mago, porta così sfiga...! Se ho ben capito povere orecchie nostre, niente più musica fresca ma solo rumori preconfezionati o repliche di suoni d'autore. Oh no!!... Che ne sarà del rock fragrante, di quelle belle ballate di campagna, sull'erba, di quelle chitarre con gli accordi fatti a mano con strumenti integrali secondo le ricette di una volta? Sì quelle buone... no, non quelle di Barilla... Lui ama i giovani ma fa le ricette a modo suo. Cinque spot per Kg di Do e tre per le ballate al germe di La minore. Il nostro Rockadamus (Damy per gli amici) vede all'orizzonte tempi oscuri con animali che cantano, (ma questo già succede oggi...) finte batterie, finti vi fans, finte trombe e finte dirette con "tromboni" veri vociferanti. La quartina che segue mi butta nel panico... "Stelle affamate - ed elettro dimoni - fingendo note - fan pinzimoni..." È chiaro, è chiaro... come ci prende!!! Una grande insalata musicale ecco cosa ci aspetta: l'insalata globale! Lo capirebbe anche un bambino... Le star assatanate di successo ci inonderanno di vinil-spazzatura propinandoci papocchi elettronici riciclati. Esagerato... forse è un tantino esagerato il nostro Adamus!! Mi viene un dubbio... Meglio consultare anche un'altra scuola di pensiero... Vediamo cosa dice Young... (Neil per gli amici). Nel cantico della Ruggine tratto dall'opera massimalistica Rust never sleep il suo pensiero si svela chiaramente: "Hey, hey, my my, rock and roll will never die!" (Trad. Hey hey my my il rock'n'roll non morirà mai!) Beh, devo dire che la visione è un po' più confortante... Allora che faccio? Chi dei due è il ciarlatano? Insomma come devo prepararmi all'ultimo giro di blues del secolo per godere fino in fondo del Big Sbreng (l'accordo di chitarra finale) alla faccia di Jas Gavronsky? Forse ha ragione Young nei versi successivi: "My my, hey hey, rock and roll is here to stay..." il rock è qui per restare. Ma sì... mi ha convinto! Per una volta voglio fare l'ottimista. Credo che una cosa buona ci rimarrà a dispetto di tutta la vil-vinile: le trombe di Eustachio, le uniche non campionabili per l'ascolto di un concerto dal vivo. Almeno live i watt saranno ancora belli spettinati in barba alle tele-video-gommine. Le gocce di sudore faranno il loro dovere per arrugginire le cromature e rendere gli strumenti vissuti. Nel '90 non ci saranno dubbi se manterremo almeno una frontiera: la musica con la M maiuscola da una parte e quella con la m che puzza dall'altra. Mi sembra un omaggio doveroso chiudere con una "Leopardata infinità":.., e m'é dolce naufragar in questo mare... quello con la big M ovviamente! 

Advertisement