I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

Giococher

di Fabio Treves su Smemoranda 1989 - Il gioco

E vabbò, parliamo di gioco, ma io sono un musicista disperato che non ha il TV, e allora voglio parlare di un mio vecchio idolo: GIOCOCHER... Me la date buona? OK! Per me, di tutti i musicisti bianchi, nel suo genere cioè il RHYTHM & Blues, sanguigno e corposo, senz'altro (e qui bisogna far vedere il pollicione alzato...) NUMERO UNOOO (ma questa comunque non è mia!) Avevo gli anni del mitico Gianni nazionale quando debuttò in serie A (cioè 16) e su Melody Maker, che è tuttora una delle poche riviste specializzate di musica (puoi trovare tra l'altro anche le rarità dei collezionisti, come le stringhe delle scarpe della prima comunione di Paul o George o il bavero del colletto di Drupi) lessi proprio di un giovane che arrivava da Sheffield, in cerca di soci e fortuna, di quella che allora pochi potevano permettersi... GIOCOCHER è il classico musicista, tutto genio e sregolatezza, come Mino Reitano e Gnola, che coniuga la passione per la musica di derivazione nera con quella per il buon vino, liquori, droghe, spezie e donne... capito mi avete? (cribbio, anche questa non è mia, sto andando giù da bestia...) Allora, diomiocomestodiventando rincoglionitoedispersivotuttattaccato, lo credo poi che i miei giovani studenti mi trattano come il rimba un po' bamba, e così ha fatto la stampa con il nostro da Sheffield, quando passò un periodo della sua vita non certo brillante. C'era stato il mitico raduno di WOODSTOCK, la celebrità e i tours mondiali, poi un po' di buio dovuto al fatto che il Leone di Sheffield è più di tutto un “bluesman” e non sopporta tutto ciò che è routine e banalità, detesta Pippo Baudo e Corrado, disdegna i salotti radical-chic e tifa ufficialmente per i diavoli rossoneri... Si sa, i critici devono criticare ma essendo più forte il feeling e la passione di GIOCOCHER che non l'antipatia e la perfidia dei dannati “pennivendoli”, ecco che quasi per miracolo c'è la redenzione e il nuovo corso: gran intervento e collaborazione con i Crusaders nel 1982, grande colonna sonora in “9 settimane e 1/2” e poi giù concerti, tournées con Fornaciari Sugar, Zucchero per il gran pubblico, insomma chi l'avrebbe detto? Beh, senz'altro il malignazzo Treves, perché sotto sotto un po' genio e sregolatezza lo sono anch'io, tranne che per la passione per gli alcolici (sono astemio) per le droghe e spezie (le uniche mie trasgressioni sono qualche fumatina innocente sulle rampe del Meazza...) Vorrei tanto andare avanti, per dirvi di quel concerto al Vigorelli di Milano o alla Royal Albert Hall di Londra, o di quando l'ho incontrato in Galleria del Corso, ma non voglio passare per quello che ogni anno sulla SMEMORANDA racconta fatti accaduti e inerenti alla sua attività di musicista... Certo anch'io avrei voluto averlo come ospite nell'ultimo disco (che i primi sondaggi DOXA danno come primo nelle hit parades di San Marino, Liechtenstein e Albania) ma ahimè - invece di Joe - ho dovuto accontentarmi di Gnola, Pellegrini e altri amici più o meno fidati che mi hanno assecondato nelle mie notturne stravaganze allo Psycho Studio mentre registravo il mio “Sunday's blues” che poi è il blues della domenica con ovvio riferimento al gioco numero uno, quello rossonero di San Siro. Perché caro GIOCOCHER e cari amici della Smemo, ve lo confesso: i miei giochi preferiti, oltre alla musica, sono il Milan e la Susanna, che ci posso fare? Voi vedete di combinare qualcosa di buono quest'anno, sotto tutti i punti di vista, e ciau dal vostro Fabio Treves, cons. com. ind. DP: Milano, armonicista cista... Ma a proposito: a voi che gioco piace?

Advertisement