I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Quando il titolo è in rialzo

di Carlo Castellaneta su Smemoranda 1986 - Amore

Magari a qualcuno non piacerà che io lo chiami così: ma anche in amore esiste un listino valori, mutevole a seconda delle giornate, con impennate del titolo oppure crolli improvvisi. Probabilmente è una definizione molto poco romantica dell'amore, eppure mi ha sempre colpito il fatto che i meccanismi del sentimento siano condizionati dalle leggi della domanda e dell'offerta, così come avviene per qualunque prodotto del mercato. Astrologi e cartomanti lo hanno ingenuamente condensato nel detto: "Vince chi fugge", come per classificare una corretta linea di tendenza. Ma fuggire non è così facile, specialmente se si è innamorati. Ed è proprio allora, nel momento che sembrerebbe più redditizio nelle quotazioni, che si rischia di perdere punti alla Borsa del Cuore. Perché se mi lascio andare, se rassicuro troppo l'oggetto dei miei pensieri, se telefono troppo alla persona amata, se la copro di gentilezze, in poco tempo il risultato finirà per essere inversamente opposto alle intenzioni. È la stessa cosa che accade quando di una mercé c'è troppa circolazione: l'offerta eccessiva frena la domanda, sminuendone il valore sul mercato. Questo non significa che poi, una volta preso coscienza del fenomeno, si possa agire in conseguenza. Per riuscire a capovolgere un valore (io ti amo cento e tu sessanta) occorre una razionalità che da innamorati non si possiede quasi mai. Infatti non basta diminuire l'emissione di Amore (cioè sottrarre dal mercato la mercé sovrabbondante) ma stimolare la domanda in maniera che sembri assolutamente naturale, priva di artifici. E questa è la vera difficoltà, perché se la controparte si accorge che si tratta di una manovra, l'effetto sarà patetico, dunque disastroso. Hai un amore? Ne troveresti facilmente un secondo. Non ne hai nessuno? Faticherai a fare la prima conquista. Tutti tendiamo a desiderare quello che è raro, o è già stato comprato da qualcun altro, o non è più in vendita. Chi lo vuole un prodotto fantastico ma disponibile? Allora ragazzi, se vogliamo anche noi vedere le nostre azioni in rialzo, smettiamola di renderci così disponibili.

Advertisement