I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

Troppo garibaldino, Garibaldi

di Umberto Simonetta su Smemoranda 1983 - Garibaldi

Sugli eroi la penso come Brecht e Garibaldi ha fama d'eroe. Ma non gli bastava l'appartenenza a quella discutibile categoria: ha preteso e ottenuto anche i capelli biondi, gli occhi azzurri, il poncho, la moglie esotica. Non è un po' troppo pittoresco tutto ciò? Per rimanere solidamente ancorato all'eroico ovvio piaceva anche molto alle donne. E dove rimase ferito? Ma diamine, ad Aspromonte! Come suona bene Aspromonte: gli eroi non possono che rimanere feriti in località di prestigio fonico. Aspromonte ha un suono armonioso e quell'aspro che in greco significa bianco in italiano insinua invece qualcosa di maschio, di ruvido, selvatico, austero, rigoroso, forte. Una persona qualsiasi sarebbe rimasta ferita a Varazze, a Bovalino se proprio si doveva rimanere in Calabria o a Fivizzano che è un borgo in provincia di Massa Carrara, nella vai di Magra, presso le confluenti dei torrenti Mommio e Rosario. No, lui, l'eroe, ad Aspromonte. E va be'. E anche la sua famosa lapidarietà non m'affascina per niente. Al suo posto io invece di quell'Obbedisco! sarei stato più duttile: "Mah, non so... vediamo... parliamone un momento... discutiamone..."

Advertisement