I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Lenny Kravitz e l'Orso Yoghi

di Elio su Smemoranda 2010 - Che storia!

So many tears I’ve cried / So much pain inside / But baby it ain’t over ’til it’s over”.

Sono alcuni versi della celebre canzone di Lenny Kravitz It ain’t over ‘til it’s over. Qualcuno potrebbe essersi chiesto (so che è improbabile, ma ho imparato che al mondo tutto è possibile): che relazione c’è fra Lenny Kravitz e l’Orso Yoghi, insomma, l’amico di Bubu? Per rispondere bisogna fare un passo indietro e parlare un po’ di baseball. Tanto Nico Colonna mi ha dato carta bianca. Pochi sanno che l’Orso Yoghi, in inglese Yogi Bear, deve il suo nome a Yogi Berra, mitico personaggio del baseball americano. Di origini italiane, precisamente di Cuggiono, paese che fino a oggi doveva la sua celebrità ad Angelo Branduardi, Lawrence Peter Berra venne chiamato Yogi da un suo amico di gioventù che colse in lui aspetti di spiritualità orientale o presunta tale, naturalmente involontaria. Yogi Berra, nato nel 1926 e ancora in vita, deve la sua fama ai dieci titoli ottenuti tra il 1946 e il 1963 nel ruolo di ricevitore con i New York Yankees; al suo aspetto fisico e alla sua faccia, un misto fra uno Jedi di Guerre Stellari e Alfred E. Neuman, il geniale personaggio di Mad (secondo me tutti e due hanno preso ispirazione da lui, anche se non ne ho le prove); ma ancor di più ai suoi aforismi, brevi frasi apparentemente senza senso rilasciate nel corso di interviste o riferite da amici e parenti che lo hanno trasformato nell’uomo più citato d’America e forse del mondo.

Eccone una selezione (leggere e riflettere brevemente prima di passare al successivo).
- Quando arrivi a un bivio, imboccalo.
- Bisogna sempre andare ai funerali delle altre persone, altrimenti non verranno al vostro.
- In questo posto non ci va più nessuno, è troppo affollato.
- Non ho detto veramente tutto ciò che ho detto.
- Ho sempre pensato che quel record avesse resistito finché non fosse stato battuto.
- Il baseball è per il 90% mentale. L’altra metà è fisico.
- Se non puoi imitarlo, non copiarlo.
- Devi stare molto attento se non sai dove stai andando perché potresti non arrivarci.
- Era difficile avere una conversazione con qualcuno, parlavano tutti.
- Si fa tardi presto da quelle parti.
- Ai miei figli non comprerò un’encicolpedia. Fateli andare a scuola a piedi, come ho fatto io.
- La pizza me la tagli in quattro fette, non penso di riuscire a mangiarne otto.
- Se la gente non vuole venire allo stadio, nessuno li fermerà.
- Carmen, sua moglie: “Yogi, sei nato a St. Louis, vivi nel New Jersey, hai giocato a New York. Se muori prima di me, dove vuoi che ti seppellisca?”. Yogi: “Sorprendimi”.
- Sì, sono brutto. E allora? Non ho mai visto nessuno battere con la faccia.
- Mai rispondere alle lettere anonime.
- Il futuro non è più quello di una volta.

Ce ne sarebbero molte altre, ma vi lascio il piacere di scoprirle sui libri o su Internet. Ora vi chiederete: perché costui ci racconta tutto ciò? Risposta: perché come i più avvertiti avranno già capito anche il titolo del brano di Lenny Kravitz It ain’t over ’til it’s over è una citazione di Yogi. Non è finita finché non è finita, apparentemente una stronzata, ma che pensandoci bene non lo è poi così tanto; e pensandoci ancora meglio si trasforma in una verità assoluta che potrebbe anche improntare l’intera vita di una persona. Io ne ho fatto una specie di regola generale; e sicuramente era una regola di questa specie di Trapattoni potenziato visto che qualcuno descrisse il piccolo italo-americano dalla faccia simpatica e apparentemente inoffensiva come: “L’avversario più duro da affrontare negli ultimi tre inning di una partita”.

Advertisement