I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Bacini bacioni baciotti

di Enrico Bertolino su Smemoranda 2009 - Msg for you!

Come tutti gli anni, ormai una tradizione, arrivo all’appuntamento con la Smemo con tanta voglia, ma totalmente impreparato. La stessa sensazione che proverei davanti a Jennifer Lopez nuda e che provo ogni volta che ricevo un SMS pieno di sigle che non capisco e alle quali rispondo AD. M. (Ad Minchiam). Quando cerco di scrivere col telefonino, mi salta dentro il T9 e partono messaggi strani ai quali ormai i destinatari, conoscendomi, non rispondono più considerandomi un caso disperato di CTI (Coma Tecnologico Irreversibile). “Ci sentiamo settimana prossima, buon fine settimana!” diventa magicamente: “Ci sembriamo sex prox, buon W.E. tvb.” e dire che il tvb non l’avevo messo di proposito, ma ormai i telefonini moderni ce l’hanno automatico.

Per non parlare degli MMS, ho provato una volta a spedirne uno con il telefonino di ultima generazione (doveva essere una generazione fallita) e ci ho messo più tempo che a decifrare la formula della fusione a freddo dell’atomo.

Ci sono poi i traumi da Password dimenticata: tra il numero del Pin della Sim, del Puk della Sim e del Codice della Tim, non ti resta un solo neurone libero nel cervello neanche a pagarlo. Allora ti scrivi la password su un foglietto che metti nel portafoglio, ma in un posto che se lo perdi non lo trova nessuno e poi nascondi anche il portafoglio in un posto che solo tu conosci e con un codice criptato così, ogni volta che vuoi aprire la mail, parte una caccia al tesoro senza speranza.

Sono anni che non scrivo una lettera a qualcuno, ormai mando solo mail e quando non ne ricevo le spedisco a me stesso per non sentirmi solo e per non farmi chiudere la casella di posta per prolungata inattività (di più triste c’è solo andare al ristorante da soli il giorno del proprio compleanno e festeggiare brindando coi camerieri).

I Forum, i Blog, le Chat, le Communities ormai sono il rifugio di migliaia di persone che, quando vanno in discoteca o a una festa, passano la serata da soli abbracciati a un Gin Tonic o a un Cuba Libre, ormai incapaci di Intendere e Comunicare.

Anni fa se volevi limonare duro con una ragazza ti esponevi di persona, andavi davanti a lei vestito da John Travolta (se volevi limonare con un ragazzo ti vestivi invece da Elton Jonh), la guardavi per un minuto buono negli occhi, poi prendevi coraggio e le dicevi: “E allora?” Lei si girava impercettibilmente e ti rispondeva: “E allora cosa, pirla?” e tu te ne andavi subito a sbattere le ginocchia al bar, bevendo d’un fiato un Cuba Tonic da un litro (Gin, Coca e Rhum, ottimo anche come idraulico liquido per le fosse biologiche o disinfettante per cisterne o silos).

Non è cambiato niente direte voi… E invece sì, almeno non ti bruciavi 10 ricariche mandando Sms col “6 bellissima tvb”, ma passavi direttamente al “2 di picche e vdvc” (va’ da’ via el cù) risparmiando dei bei soldi.

Può sembrare che una volta ci fosse più fantasia, più creatività e che oggi la tecnologia allontani i ragazzi dalla realtà avvicinandoli a un mondo virtuale… In poche parole è inutile entrare in Second Life come Avatar se non stai vivendo nemmeno la First Life come persona.

Anche se la mancanza di fantasia non è un problema solo dei giorni nostri. Mesi fa ho trovato in cantina, tra i ricordi di mia nonna, le cartoline che ogni estate le spedivo dalle vacanze. Ebbene per 15 anni le ho mandato, da Loano come da New York, cartoline con la stessa scritta. “Bacini Bacioni Baciotti Tuo Nipote” a questo punto mi è venuto il sospetto che le abbia tenute lì apposta per sbattermele in faccia tutte insieme… peccato che non ci sia più per farlo davvero. 

VVB GRTK (Vi Voglio Bene Gratakù)

Advertisement