I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Mai dire... Sms

di Gialappa's band su Smemoranda 2009 - Msg for you!

(Avvertenze: si tratta di un pezzo altamente provocatorio. Per affrontarne la lettura occorre una discreta dose di serenità e autoironia. Perciò, se la vostra squadra ha perso, o avete le vostre cose, leggetelo un altro giorno!)

Amc d Smmrnd, ma sprttt amch d Smmrnd, the “msg 4 u” è: basta, non se ne può più!
Ci avete sfinito con i vostri messaggini (sms, mms, msn…) fatti solo di consonanti: cmq per dire “comunque”, tt per dire “tutto” e xk per dire “perché”. Anzi: ci avt prpr frntmt i cgln!!!
Che fine farà la nostra lingua? Non solo quella aulica di Dante e Manzoni, ma persino quella più prosaica e vernacolare di Totti e Di Pietro? Dobbiamo rassegnarci a passare la vita a tentare di decifrare comunicazioni più simili a codici fiscali che a frasi di senso compiuto?! Ebbene no: riprendiamoci la lingua, e quindi le vocali.
Perché le vocali (forse non ci avete mai fatto caso) sono calde, prorompenti, esprimono gli stati d’animo: le gioie e i dolori. Mentre le consonanti sono fredde, meccaniche, e capaci solo di esprimere pensiero, astrazioni.
Le vocali sono tipiche dell’uomo (non dev’essere un caso se la parola uomo contiene 3 vocali ed una sola consonante); mentre le consonanti sono tipiche del robot (3 consonanti e 2 vocali, e non sarà certo un caso nemmeno questo); poi ci sono le rotture di palle, che sono tipiche delle donne, ma questo è un altro discorso.
Provate un po’ a pensare che suoni emettete, istintivamente, quando provate dolore (“ahia!”, “ohiohi!”, etc.), e quando vi divertite (“ahahahah!” e “wow!”, che si scrive così ma si pronuncia “uau!”); quando ce l’avete con qualcuno (“aòh!” se siete romani, “uehi!” se siete milanesi) e quando siete piacevolmente sorpresi (“oeuh!”, oppure “ahàa!”); per non parlare, poi, dei suoni che fate quando trombate (se all’acme del piacere emettete consonanti, siete dei veri pervertiti; oppure avete bisogno di un buon logopedista…).
Sinceramente, vi è mai venuto in mente di esprimere la gioia con un “pnrtx”, o peggio con uno “sgrunt”? No, vero? Le consonanti hanno la meglio solo nelle parolacce (“vaffanc…”, “brutto str….”, Clemente Mastella, … ) che infatti non sono parole ma, appunto, parolacce. E allora, come dicevamo, riprendiamoci la lingua, le vocali e, soprattutto, riprendetevi la vita reale!
Sì, perché queste odiose abbreviazioni (“nn”, “tt”, “xk”) sono figlie del vostro rifiuto di vivere e, ancor prima, di parlare. Per mettervi d’accordo sul film da andare a vedere (o sulla pizzeria in cui farvi avvelenare il sabato sera) voi non vi fate, come facevamo noi, una chiacchierata di gruppo o, alla peggio, una serie di telefonate. No, queste cose (per voi) “obsolete” non vi vengono neanche in mente. In un caso del genere voi vi scambiate impulsi elettronici approssimativi sul display del cellulare o lo schermo del computer, ed è un puro miracolo se riuscite a capire l’ora, l’indirizzo del cinema e il titolo del film. 
Perché quello che conta per voi è stare spaparanzati, al calduccio, davanti al computer, soli; e della realtà vi basta la semplice ipotesi, l’aspetto virtuale: l’eventualità. Magari esiste il mio partner ideale, e navigando in rete lo incontrerò; magari esistono persone che la pensano esattamente come me, e saltabeccando da una chat all’altra li riconoscerò; magari esistono i marziani, e da qualche parte un blog l’avranno aperto: sennò che retrogradi sono?!
Ma vi è mai venuto in mente che il partner ideale, gli amici fraterni e persino i marziani vanno cercati per strada, in un parco o su Marte? Volete finalmente scoprire la “materia”: toccarla, ascoltarla, annusarla. Avete presente il profumo dei fiori, e quello della terra (possibilmente non quella appena concimata)? No, vero? E allora riprendetevi la lingua, le vocali e tutti i sapori, gli odori e le emozioni della vita reale.

P.S. Se avete qualcosa da obiettare scriveteci pure un sms, un mms, o una mail al nostro indirizzo msn, che è: glpp’sbnd@smmrnd.pnrtx. Vi risponderemo volentieri, spaparanzati, al calduccio, davanti al computer: soli. Vvttb!

Advertisement