I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

E-mail "tra-il-qua-e-il-là"

di Gino&Michele su Smemoranda 2009 - Msg for you!

La maggior parte delle mail che bombardano i nostri computer ogni giorno sono da buttare senza neppure aprirle, altre sono importanti perché appartengono alla sfera privata, altre ancora possono essere determinanti per i nostri studi e per il nostro lavoro. 
Poi però ci sono le mail tra-il-qua-e-il-là. Apparentemente sono lettere inutili, di cui si è perso il mittente originario. Ma l’e-mail tra-il-qua-e-il-là non delude quasi mai. Una foto curiosa, un decalogo tanto idiota da essere divertente, una poesia d’amore, una pillola di saggezza… Qualcuno addirittura conserva le migliori mail tra-il-qua-e-il-là. Si sa mai che vengano utili. Per esempio per trascriverle in una Smemoranda sul tema. Tra quelle che abbiamo conservato ve ne proponiamo alcune proprio sull’argomento comunicazione, che riscriviamo per voi, un po’ modificate.

Il naufragio 
Per guadagnare qualche euro durante le vacanze, un ragazzo decide di lavorare come cameriere su un tre alberi in giro per il mondo. Ma una notte beve qualche birra di troppo e cade in acqua. E’ fortunato, però: trova un tronco a cui aggrapparsi e approda su un'isola deserta: nessun abitante e per cibo solo banane e noci di cocco.
Dopo alcuni mesi, stanco e disperato, vede avvicinarsi una canoa con a bordo una giovane ragazza bellissima.
Incredulo il ragazzo le chiede da dove venga e come abbia fatto ad arrivare fin lì.
"Abito in un'isola vicina, dove sono naufragata alcuni mesi fa. Durante le vacanze avevo deciso di guadagnare qualcosa, ma una sera ho bevuto e sono caduta in acqua.”
"Incredibile! Anch’io!... Sei stata veramente fortunata a trovare una barca", le dice il ragazzo.
E la ragazza: "Oh, questa? L'ho fatta con materiali che ho trovato sull'isola: i remi sono ricavati dall’albero della gomma, ho intrecciato la parte inferiore con le foglie delle palme, e i lati e la chiglia li ho ricavati da un albero di eucalipto".
"Ma è impossibile - balbetta lui - non avevi attrezzi a disposizione!"
"Oh, quello non era un problema. Sull'isola ho trovato uno strato di roccia ricco di metalli… L’ho lavorato per costruire gli attrezzi, che poi ho utilizzato per procurarmi il materiale per la barca. "
Il ragazzo è sbalordito.
"Remiamo fino alla mia spiaggia", lo invita la ragazzina.
Così, dopo pochi minuti, attraccano a un piccolo molo. Il ragazzo, guardandosi intorno, quasi cade in acqua dallo stupore. Infatti, oltre al molo, di fronte a lui c'è un sentiero in pietra che porta a un delizioso bungalow dipinto in blu e bianco.
Una volta entrati, la giovane ragazza dice con malizia: "Sai, non è gran cosa, ma a me è sufficiente. Perché non ci sediamo e prendiamo un drink?".
"Oh no, grazie - risponde il pischello sempre più nervoso - non ne posso davvero più di altro latte di cocco!" 
"Non è mica cocco, dai! Ho un alambicco con cui preparo dei liquori! Cosa ne dici di una pina colada?".
Provando a nascondere il sempre maggiore e imbarazzato stupore, il ragazzo accetta frastornato.
I due iniziano a parlare, e una volta che si sono raccontati le loro
storie, la ragazza annuncia provocante: "Vado a mettermi qualcosa di più comodo…".
Il ragazzo ritrova la ragazza a riposare sul letto, coperta solo di fiori profumati.
Lei lo invita dolcemente a sedersi accanto: "Caro compagno di avventura, da molto tempo non vediamo nessuno. Tu sei stato solo, io sono stata sola. Sono sicura che c'è qualcosa che vorresti fare adesso, e che non hai potuto fare per tutti questi mesi. Adesso puoi...". 
Il ragazzo non può credere a quello che gli sta accadendo.
Il suo cuore incomincia a battere forte, si sente veramente fortunato: "Vuoi... vuoi dire che... dopo tutto questo tempo... vuoi dire che posso... posso finalmente usare Messenger?".

Incomunicabilità: La radio
Americani - Prego deviate vostra rotta 15 gradi Nord per evitare
collisione. Passo.
Italiani - Richiediamo deviazione vostra rotta 15 gradi Sud per evitare collisione. Passo.
Americani - Qui il capitano di una nave della Marina Americana. Ripeto, deviate la vostra rotta. Passo.
Italiani - No. Ripeto, deviate voi la vostra rotta. Passo.
Americani - Qui è la portaerei “U.s.s. Lincoln”, la seconda nave da
guerra più grande della flotta americana, tre cacciatorpedinieri di scorta, tre incrociatori e numerosi vascelli di supporto. Chiediamo che dirottiate 15 gradi nord, ripeto uno-cinque gradi nord, altrimenti pesanti contromisure verranno prese per garantire la sicurezza della nave! Passo. 
Italiani - Siamo un faro, fate come cazzo vi pare. Passo e chiudo.

Addetti alla comunicazione: Il programmatore
Uno studente d’informatica racconta ai suoi compagni: “Ieri ho conosciuto una veramente gnocca in discoteca”. 
Gli studenti: “Ma va’!”. 
“La invito a casa mia, le offro una cosa da bere, e comincio a baciarla.” 
“Dai!” 
“Lei mi fa: ‘Spogliami’!” 
“Noooo!” 
“Al che io la sollevo e la faccio sedere sulla tastiera del mio nuovo pc e...” 
Gli studenti d’informatica: “Hai un pc nuovo? Figata! Che processore?”.

Advertisement