I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Sms human history

di Margherita Giacobino su Smemoranda 2009 - Msg for you!

LA STORIA UMANA SECONDO GLI SMS

Messaggi, messaggi, da sempre gli esseri viventi si mandano messaggi. Le prime tracce dello Short Message System risalgono agli albori dei tempi, quando non c’erano né tecnologia né riscaldamento globale, anzi faceva un bel freddino da glaciazione. Ehi Rex, se non 6 estinto rispondimi! Pterosaurus : questo uno dei più antichi e interessanti sms recentemente decifrati dagli studiosi, databile all’epoca giurassica e conservatosi allo stato fossile nella Dinosaur Valley del Canada. Un altro messaggino di grande portata storica decodificato da un’équipe internazionale di scienziati è stato invece reperito nell’Africa centrale, negli escrementi di uno gnu morto da decine di migliaia di anni (si ritiene che gli impulsi digitali, impigliatisi in una folta barriera di acacie spinose africane, siano finiti nello stomaco dell’erbivoro). Dopo decenni di lavoro, è stato finalmente ricostruito il testo: Vai tu a prend Caino e Abele a scuola ke io non pos. Gli scienziati pensano di trovarsi di fronte nientemeno che a un sms di Eva, la prima donna. Purtroppo non è stata ritrovata la risposta di Adamo, ma secondo Ronald Keyboard, messaggiologo dell’Università del Missouri, è probabile che Adamo non abbia raccolto l’invito di Eva, e che i due fratelli siano stati dimenticati ai cancelli della Eden Primary School. Questo getterebbe sui genitori la responsabilità dell’inquietante episodio che coinvolse Caino e Abele e che costituisce il grande modello archetipo dei rapporti sociali tra individui di razza umana. La storia del primo maratoneta, che corse per 40 km da Maratona ad Atene per annunciare l’esito della battaglia contro i persiani, ha finalmente una spiegazione attendibile: il poveretto correva stringendo in pugno un cellulare, perché in quelle regioni montuose non c’era campo. Sono migliaia e migliaia gli sms archeologici e storici attualmente allo studio in tutto il mondo. Tra i più romantici, quello ritrovato in un sotterraneo di Verona, il cui contenuto (gravemente danneggiato dall’umidità della cripta) è stato finalmente ricostruito: O Rm Rm xké 6 tu Rm?(O Romeo, Romeo, perché sei tu Romeo?) Dopo un lungo dibattito, gli studiosi hanno stabilito che la scrivente sarebbe nientemeno che Giulietta Capuleti, cover girl della Verona bene dell’epoca e nota protagonista di una delle love story più amate del mondo. Fra gli sms d’amore, uno dei più famosi e ancora attuali è l’invito rivolto dal poeta romano Catullo alla sua ragazza: Da mh bs 1000, (Da mihi basia mille) subito tradotto nella lingua degli Angli:Gvm1000ksss. Gli sms hanno influenzato anche la letteratura, per esempio quella di grandi uomini d’azione che scrivevano le loro memorie. La leggendaria brevità ed efficacia di un Giulio Cesare è dovuta proprio alla sua abitudine di comunicare rapidamente con i suoi soldati e con i politici romani via sms, afferma il professor Donato Cancelletto dell’Istituto di Intercettazioni Archeologiche di Pompei. La nota comunicazione di Cesare Veni vidi vicialtro non è, infatti, che uno dei primi sms della storia romana. Le recenti scoperte in materia di sms acronimi hanno indotto gli esperti a rimettere in questione interpretazioni canoniche: la famosa sigla SPQR, per secoli interpretata come ‘Senatus PopulusQue Romanus’ potrebbe avere un altro significato? Tra le interpretazioni più accreditate quella del celebre prof. Asteriscus: ‘Sono Pazzi Questi Romani’. Una cosa è certa: la smslogia ha un futuro. Il mondo è pieno di messaggi indecifrati, tanto più misteriosi quanto più apparentemente banali. L’aria è sempre più densa di impulsi di comunicazione elettronica, talmente densa che a volte non ci si vede più neanche l’uno con l’altro. Specialmente se si è intenti a digitare un messaggino.

Advertisement