I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Il buon vecchio muro

di Piero Pelù su Smemoranda 2009 - Msg for you!

…Allora a costo di essere vetero-qualchecosa (ecchisenefrega) e di andare fuori tema subito premetto che nonostante la tecnologia ci dia una mano (!?!!) nella comunicazione interpersonale, di ogni tipo, il buon vecchio muro del centro o di periferia, il palo del semaforo o la pensilina dell’autobus rimangono i luoghi principe per accogliere quei messaggi-specchio della nostra rabbia, delle nostre aspettative e dei nostri sogni. Per esempio, ai metà dei Settanta quando andavo a trovare i nonni paterni a Massa, lungo il viale Roma che sale in città dal lungomare, sul muro di una casa vicino a una inguardabile chiesa moderna, troneggiava scritto rigorosamente in rosso, un pensiero più o meno condivisibile ma sicuramente chiaro: “IL PAPA SI DROGA E VEDE DIO”. Ogni volta, ripeto ogni volta, mia madre, seduta davanti in macchina, commentava con preoccupazione mentre mio padre se la sghignazzava sotto i baffi, per non dare il cattivo esempio e non apparire troppo anticlericale in presenza dei figli e mio fratello e io, dietro, ci guardavamo con una domanda trans-generazionale negli occhi: “Va bene, si drogherà pure… ma… con quale droga?”, ma soprattutto una domanda accomunava tutti noi: “Perché il prete dopo tutto questo tempo non ha ancora cancellato quella scritta?!” Ecco, in questo caso i messaggi erano a modo loro trasversali e riuscivano a trasmettere a qualsiasi lettore un input che poi poteva far suo e che scatenava la sua personalità, curiosità, voglia di approfondire o cassare l’affermazione d’origine. Ma soprattutto erano dei messaggi–manifesto che rimanevano gratuitamente esposti per settimane e mesi a rinnovare il concetto espresso in quegli anni in cui ancora valeva il detto ereditato dal ’68 parigino e cioè che la poesia è nella strada. Poi dagli anni Ottanta ci fu l’inizio del disimpegno e con quello l’imbecillità al potere e le scritte sui muri così poetiche e provocatorie fatte dalle generazioni precedenti sbiadirono per lasciare posto a: FIORELLINO TI AMO RICORDATELO!!! Oppure TU 6 UNA COSA GRANDE X ME , T.V. T.T.T.T.T.T.T.T.T.T.B. Pensieri troppo matematici-complicati per sperare di essere spiegati razionalmente… e fu così che gli amministratori cittadini, sfiniti dalle spese di vernice per coprire lo scempio, inventarono gli sms, mms, e-mail, link, user, password, google, forum, chat, newsgroup, download, blog, community, post e quant’altro così certi pensieri socio- politici avrebbero viaggiato su binari privati.

Advertisement