I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Maria Antonietta si veste male

di Teresa Mannino su Smemoranda 2009 - Msg for you!

Meraviglioso ’900 che ci ha fatto danzare sulla luna, che ci ha fatto scoprire altri orizzonti e galassie ma soprattutto che E.T, Mork e Mindi vivono altrove.
Meraviglioso ’900 che ha messo le ali agli uomini e ci fa volare da Milano a Palermo in un’ora. Ma dopo sei ore di controlli e chek-in. Che ha messo le ali agli assorbenti cambiando la vita delle donne dalla vita in giù.
Meraviglioso ’900 che ci ha dato Il grande dittatore, Grease e Gli uomini preferiscono le bionde ma anche le multisala, le cocacoline di gelatina, i pop-corn e chi li mangia.
Meraviglioso ’900 che ha svelato i misteri del DNA ma ancora non è riuscito a progettare un lavabo da parrucchiere che non ti incrini le vertebre cervicali; che sa come clonare le pecore ma non è arrivato a ideare dei tergicristalli che una volta azionati ti permettano di continuare ad ascoltare l’autoradio.
Meraviglioso ’900 che ha concepito la televisione ma soprattutto il telecomando, simbolo del potere nazionale, che ha dieci tasti familiari a tutti e altrettanti conosciuti solo dai pochi adepti della “setta dei sintonizzatori”. 
Meraviglioso ’900 che ci fa chiacchierare, grazie alla rete, in tempo reale con gli aborigeni australiani nonostante siano agli antipodi; che ci ha dato la connessione wireless…. senza fili lo dici tu! Io vedo fili dappertutto. Ci fa comunicare solo con il pollice e il T9 che per gridare amore ti basta fare click, non senti l’odore e scegli attraverso il nick (la rima è cosa antica ma l’hip hop non l’ha svecchiata mica – la rima è cosa poco filosofica l’hip hop l’ha resa ancora più dispotica… vabbè avete capito!) 
Meraviglioso ’900 però anche un po’ distratto perché comunico con l’Australia ma non so come si chiama l’inquilino del quarto piano e solo quando muore scopro essere un aborigeno australiano. Peccato! Secolo distratto e anche un po’ sgarbato perché mi arrivano 300 sms al giorno ma per strada non mi saluta nessuno e se per caso conosco qualcuno mi dà la sua e-mail, mi dice di visitare il suo blog e di linkarmi a MySpace. Ma andarci a prendere un caffè, no? Ricevo 50 e-mail ma tutte scritte con lo stesso carattere: Times New Roman 12! “E che carattere c’hai tu che scrivi?” Anni di scuole elementari, scrivendo paginette di ‘astine’ e ‘a’ , completamente inutilizzati. Da questa e-mail neanche posso capire se sei andato oltre le elementari perché tanto hai la ‘correzione automatica’ che ti sostiene nell’ortografia e nello spirito. 
Scorretto ’900 perché ho giusto due minuti per ascoltare le confidenze di un amico dato che sicuramente verrò interrotta dallo squillo personalizzato, polifonico e remixato di un cellulare: chi chiama ha la priorità acquisita. Ecco l’imperativo categorico dei nostri giorni: “Non puoi non rispondere!”. 
Se Kant morisse oggi, il suo epitaffio “Due cose mi furono sommamente care: il cielo stellato sopra di me e la legge morale dentro di me”, diventerebbe: “Due cose mi furono sommamente care: il campo attivato sopra di me e l’ultima ricarica.”
Sei meraviglioso in ogni caso ’900 perché non ho mai conosciuto nessuno che abbia letto un messaggio in una bottiglia, perché vestita da Maria Antonietta non mi ci vedo, neanche a carnevale, ma soprattutto perché se sbaglio a comunicare non vengo messa al rogo, al massimo su YouTube!

Advertisement