I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

A letto senza cena

di Arisa su Smemoranda 2014 - By Night

«Scusa se ti chiamo, lo so che è notte fonda, ma ho bisogno di sentire la tua voce. Ho bisogno di sapere cosa fai e se mi ami. Lo so che te lo chiedo troppe volte e che sei stanco di ripetermelo tutti i giorni. Mi sento tanto brutta, dentro e fuori. A volte penso che dovresti cercare un'altra donna che possa renderti felice come meriti. Io non ne sono capace, finirò solo per farmi odiare e finirà comunque. Lasciami, dai. Salvati da me. Non sono capace di amare, non ho misura. A volte ti odio, a volte ti amo, ma quando ti amo, ti amo così tanto che potrei soffocarti; quando ti odio, invece, ti odio così tanto che non vedo l'ora che tu mi dica che mi ami. Lo sapevo che quando mi sarei innamorata davvero avrei perso il controllo. Sono pazza, secondo te? Dai, dillo che sono pazza. Ma sono pazza di te, di tutto quello che sei, di quello che fai. Non posso pensare di perderti, capisci? Ci sei Pronto?»
«Sì?»
«Amore, ci sei?»
«Sì e no, amore, stavo sonnecchiando. Non ho sentito nulla, puoi ripetere?»
«Ma ti rendi conto? Io sono qui che mi torturo per te, per noi, per la nostra
relazione e tu dormi? La verità è che tu non mi ascolti, non mi ascolti mai. Dovevo dar retta alla prima impressione, lo sapevo che eri uno superficiale, che non mi hai mai amata e non mi amerai mai.»
«Ma no, amore, sono stanco, oggi ho lavorato, è stata una giornata pesante.»
«Ecco! Sì, adesso sei stanco, prima non lo eri mai. Eri sempre pronto a fare l'amore,
prima. Adesso no, rimane a casa sua, lui, e se lo chiamo non mi ascolta neanche...»
«Ma, amore...?»
«Non chiamarmi amore, capito? Non lo fare! È finita. È finita per sempre, cancello il tuo numero, non mi cercare mai più!»
«Ah...»
«Ah, cosa?! Non te l'aspettavi?»
«No, ma sei sicura?»
«Certo!»
«E allora va bene!»
«Va bene?»
«Sì, come vuoi tu! Se ti fa stare meglio?!»
«Ma allora mi stai lasciando?»
«Sì!»
«Ma come puoi lasciarmi così, brutto vigliacco!»
«Così! È tardi e ho sonno, buonanotte.»
Tutututututututututututu.
«Pronto, Pallottolino... ti va se torniamo insieme?»
«Sì, AMORE, sì... adesso vai a letto, DORMI... a domani.»
«Notte amore, a domani... Ma come fai a sopport...»
«Amore?! Buonanotte.»
«Ok, notte.»

Advertisement