I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Ritratto la notte del capogiro. Poesia per te che sei il fuoco per cui scrivo

di Ivan su Smemoranda 2014 - By Night

la notte talvolta son botte e ossa rotte
il gelo della vernice che cola le mani
i sentieri l'ombre più scure
che sol al buio più nero
le stelle meglio si riescon a vedere

la notte ricorda il tempo del sogno
del bisogno di gettarsi le coperte del silenzio
con la città che riposa dormendo
con l'ebrezza che si fa sposa
e lo sguardo lucido a fissar l'avanti
come a gettar rabbia la carta
scrivendo coi guanti

noi che si rema contro la notte
si sta l'alba a letto a sognare di sognare
il sole tra le stelle la bruma e le scintille
la luna ai piedi delle cascate del cielo
che ogni lampo e ogni tuono
si fa
pur la notte
cielo sereno e mai straniero
la notte talvolta son divampi di vino
è il tempo delle rime e dei burroni che scampi
son la prima volta che hai fatto l'amore
son le ore delle paure
le meglio avventure
del capovolgere la luce e cancellare le ombre
son le attese le mattine più fonde
che la notte è l'amante della poesia
che ti porta via
che si mangia la vita tra le righe
che per uno che scrive
è una misura esatta d'un sorriso
che vuol ora il sole che sorge per te
mentre rimo e quindi rido

ritratto d'improvviso la notte del capogiro
poesia per te che leggi
che sei il fuoco acceso
per cui vivo
e scrivo.

Advertisement