I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Passione di vita

di Andrea Dovizioso su Smemoranda 2015 - Vivi, ama, ridi

Vivi, ama, ridi: uno slogan perfetto per identificare lo sport, qualsiasi tipo di sport, a qualsiasi livello. Lo sport è vita, amore, divertimento: non c’è niente che ti faccia stare meglio. Giocare con un computer o un telefonino è divertente, ma allenarsi, stare all’aria aperta, confrontarsi con gli altri, vincere, perfino perdere ha tutto un altro fascino, un sapore unico. Nella mia vita, fortunatamente, lo sport è entrato molto presto, perché il mio babbo correva - e corre ancora - con la moto da cross. Per me è stata una fortuna: lo sport ti fa stare bene, non solo fisicamente, ma anche - e soprattutto - mentalmente. Io corro in moto, ma avrei anche potuto giocare a calcio: cambia poco, indipendentemente dalla disciplina che scegli, stai bene, ti riempie la testa di pensieri positivi. Essere competitivi è la strada migliore per cercare di ottenere obiettivi gratificanti: tutto questo mi dà gioia e divertimento fin da quando ero bambino. Adesso ho la fortuna di aver trasformato la mia passione in un lavoro, ma lo spirito non è cambiato rispetto a quando era solo un gioco: oggi, come allora, ci credo, mi impegno al massimo, mi diverto. Quando poi centri un risultato importante, lo sport si trasforma in una centrifuga di emozioni tanto forti quanto difficili da descrivere. Come quando nel 2011, al Mugello - che per noi piloti italiani è il GP con la G maiuscola - sono salito sul secondo gradino del podio: vedere tutti gli appassionati in pista che mi applaudivano, gridavano il mio nome, si esaltavano per la mia gara, mi ha fatto commuovere, mi ha fatto vivere momenti indimenticabili, mi ha fatto sorridere pensando a tutti gli sforzi che avevo fatto per arrivare fino a quel punto, mi ha fatto amare lo sport per tutto quello che mi ha dato. (Si potrebbe spezzare l’ultimo periodo lungo con un punto, per esempio: … mi ha fatto vivere momenti indimenticabili. Mi ha fatto sorridere…)

 
Advertisement