I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Mi piace essere brutto

di J-Ax su Smemoranda 2016 - Mi Piace

Mi piace essere brutto. Ci ho messo quarant’anni a capirlo, ma la bruttezza è ciò che mi ha permesso di arrivare dove sono ora. Se ci pensiamo bene, la bruttezza è il generatore a benzina che parte quando il talento viene oscurato dai dubbi di non essere all’altezza. Si avvia durante un’emergenza e ti aiuta a trovare motivazioni che pensavi di non avere. Perché un modello scandinavo sempre unto e guizzante in mutande sicuramente trova sempre le porte (e non solo quelle) aperte ma, diciamocelo, che voglia ha di sbattersi per lottare e costruire qualcosa, per migliorare la sua vita? La maggior parte della sua giornata sarà spesa a disegnarsi col goniometro le sopracciglia, a sistemarsi con la pinzetta – per evidenziare i pettorali – t-shirt di due misure in meno con uno scollo a V che arriva fino all’ombelico e a bloccare su WhatsApp tipe che inviano troppe foto nude. Non solo non ha fame, ma si diverte a succhiare aragoste davanti a te mentre hai i crampi allo stomaco.

Noi brutti, invece, sappiamo che se ogni tanto vogliamo bere dobbiamo metterci un secchio in testa e camminare dieci chilometri fino al pozzo alla fine della giungla. Ma a vivere così ti stufi presto, quindi lavori finché non ti costruisci una casa vista fonte oligominerale. Volete la prova? Tutti i più grandi artisti e geniali inventori sono stati oggettivamente brutti. William Burroughs? Brutto. Bill Gates? Brutto. Van Gogh? Così brutto e così spesso rifiutato dalle donne da mutilarsi da solo. Però hanno speso la loro vita a creare per illuminare l’esistenza di tutta l’umanità, cosicché i modelli svedesi potessero portare controvoglia al museo le ragazze che non vogliono uscire con noi.

Ma poi anche loro si stufano, e vengono a fare un giro sulle nostre moto, perché la bruttezza stilosa ha sempre battuto il fascismo dei visi simmetrici.

Advertisement