I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Didietrologie

di Luciana Littizzetto su Smemoranda 2016 - Mi Piace

A Miami c’è un tipo che fa il culo a tutti. Non è Cantone, non è neanche Tyson ma si chiama Costantino Mendieta, fa il chirurgo plastico e rifà i lati B. È il re del dietrofront. Il mago del retrotreno. Tu vai da lui e lui ti fa un culo così. E lo paghi pure. Pensa che Mendieta arriva a fare addirittura 450 operazioni all’anno… all’anno con due enne, ma possiamo anche dire all’ano con una enne sola… Praticamente 900 chiappe annuali restaurate. Opera anche gli uomini che, si sa, a una certa età si “sculano”. Il tempo e gli anni gli erodono il sedere e dietro gli viene un vassoio, un foglio di carta A4, le terre piatte della Mesopotamia. Il mitico Costantino si fa chiamare il “Picasso dei glutei”. Che, tra l’altro, io fossi stata in lui avrei scelto un altro pittore. Ma scusa. Picasso quando faceva un ritratto se gli sfagiolava metteva tre occhi, un ombelico in fronte e le narici grosse come il bagagliaio della Panda. Se uno va a rifarsi il sedere, Costantino capace che glielo mette sul collo o dietro un’orecchia e non andiamo certo a star meglio. Dice che lui è bravo a rimodellare le natiche perché è figlio di un architetto e quindi conosce le proporzioni. Meno male che non è figlio di un panettiere sennò rischiava di farti il culo a baguette. Ha detto anche che ha “studiato molto, ma deve dire grazie a sua moglie, che gli ha insegnato a guardare il fondoschiena in una prospettiva diversa”. Ora. Se c’è una cosa che non bisogna insegnare agli uomini, è guardare il paragnao delle donne… è proprio una roba che vi viene naturale… Ci son uomini che riescono a ruotare la testa di 360 gradi come la ruota del Prater di Vienna. Girano il collo come le betoniere dei cantieri o le manopole delle cassaforti. Hanno la vista di Superman, vedono attraverso l’asciugamano da spiaggia. Voi maschi siete esperti in didietrologia. Comunque secondo lui ci sono quattro tipi di sedere. Ad A, cioè vita stretta e sedere a camino, a V chiappe strette e vita larga, poi tondo e quadrato. Voi come ce l’avete? A ipsilon? A mela morsicata come il logo della Apple? Mi piace… Io ce l’ho a rotonda francese. A bacio Perugina. A robiola del margaro. Conterà anche la profondità di chiappa? C’è chi ce l’ha poco profondo, e chi ha una fossa delle Marianne? Lui però si lamenta perché dice che nonostante lui sia un artista del retro tutte gli chiedono il sedere di Jennifer Lopez o di Pippa Middleton e lui si stufa. Però han ragione. Scusa eh, Costantino, già che ce lo rifacciamo, almeno puntare in alto, ti pare? Non è che ti lasciamo tanto improvvisare, Mendieta, vista la tua propensione per Picasso… E come pensi che lo voglia un sedere nuovo? Alla Bersani? Alla Rosy Bindi? Culo di Alemanno? Scusa. Vado fino a Miami e mi faccio fare un deretano come quello di mia bisnonna Ortensia? Allora. Vi dico i prezzi. Un culo base costa 14.000 dollari. Occhio. Costa minimo 14.000 dollari, poi bisogna vedere con quanta Nutella l’avete appesantito. Comunque la tecnica è abbastanza semplice. Per rifarti il papagnone lui non ci mette il silicone o altra roba, ma roba tua. Il tuo stesso grasso, lo sposta solo da una parte all’altra, ma un conto è prenderne due cucchiaiate per inciccionirsi il walter, un conto è rifare un sedere intero! Va bene che di solito c’è da togliere… ma se invece devi mettere, da dove prendi? Ti fai prestare due litri di lardo da Cannavacciuolo?
Comunque in Europa non abbiamo bisogno di te, Costantino. Da noi abbiamo già la Merkel che ci fa un culo così. Vuoi sapere di che forma ce lo fa? A pandoro, se non ripianiamo il debito pubblico entro marzo.

 

 

 

Advertisement