I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Mi garba

di Piero Pelù su Smemoranda 2016 - Mi Piace

Mi chiamo Brado e mi piace il rock’n’roll, punto.
Poi mi piace osservare quello che non piace, quello da cui i più distolgono lo sguardo per paura e per quieto vivere, quello che all’apparenza sembra bello ma poi non lo è, mi garba guardarlo e seguirlo, cercare di capirlo, immaginare il marcio che c’è dietro a quello che appare così bello, perfetto e positivo.
Non è un’ossessione complottistica o masochistica la mia, anzi, a me piace stare sereno e positivo per far star bene anche gli altri, la mia è solo voglia di immaginare cosa potrebbe succedere alla prossima; sì, è vero, sono un po’ pessimista, dovrei guardare il lato più positivo delle cose e non solo quello oscuro però lo dico sempre: “Meglio essere un ottimo pessimista che (essere) un pessimo ottimista”. Quando ci si aspetta solo cose ottime la delusione è sempre dietro l’angolo, quando ci si aspetta(no) cose più semplici, o normali o anche modeste si ottiene sempre di più delle aspettative. Volare bassi, non è facile ma a me piace, già volare è un bel casino, poi a salire si è sempre in tempo, basta esser pronti.
Mi garba il rock da Chuck Berry ai Cage the Elephant e mi piace essere aggiornato, mi piace rockare/cavalcare le cose reali e non le facciate false e vuote, mi garbano l’anima e le idee, mi piace avvicinarmi alla verità, mi piace osservarla, scriverla, mi piace cantarla mi piace urlarla e mi piace anche incazzarmi se sento di essere circondato solo da bugie e da fake.
Non mollo l’osso sono un rompicoglioni, mi piace dire: “E chi m’ammazza” anche quando sto a pezzi, quando qualcuno mi chiede: “Tutt’a posto Piè?” mi garba rispondere: “E niente in ordine!” strappando un sorriso, perché c’è una rivoluzione culturale da fare per sistemare il marcio intorno, ma finché non lo capiremo tutti e inizieremo a fare qualcosa insieme e uniti non cambierà mai niente.
Mi piace credere nelle cose difficili perché le cose facili sono una trappola per ignoranti, mi piace sognare a occhi aperti col cervello acceso sempre, mi piace l’utopia perché so che da tante parti in Nord Europa e in Sud America esiste davvero ed è una figata. Mi piace l’ex presidente dell’Uruguay Pepe Mujica perché lui applica lo sviluppo e il benessere del suo Paese nella forma più diffusa e orizzontale possibile contro la pessima regola: “Non ci sono più regole vinca il più forte e il più arrogante”. Mi piace la democrazia rappresentativa, quella dove la voce dei cittadini conta veramente e dove la parola LIBERTÀ non significa che ognuno può farsi i cazzi suoi sulla pelle del prossimo, ma che può realizzare se stesso solo nel rispetto degli altri.
Mi piace essere un umano felice tra umani felici e non essere un paranoico tra lobotomizzati senza testa. Questo non lo ottengo cliccando un semplice like su Fb o Insta o blablabla ma dandoci dentro dibbrutto a leggere, a informarmi, a comunicare e a ballare coi talloni chiodati sullo schifo che ho intorno.
Stare rock è scomodo ma mi garba, ragazzacci!

Advertisement