I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

La ricetta del grande Allen Tonné, il semivegetariano stellato

di Antonio Albanese su Smemoranda 2017 - Tema Libero

Ingredienti per 4 persone:

> Un gabbiano sterile dell’Aventino.

> 680 lenticchie opache di colle Val Susa di Val d’Elsa di Norcia.

> 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva andaluso.

> 5 manciate di pangrattato di pane nero con pinoli armeni.

> Noci moldave, pistacchi, arachidi e semi di mango delle Mauritius.

> Un niente di niente (o quasi niente) di zucchero grigio ondulato.

> Una bustina di tabacco aromatizzato al cardo essiccato in una malga trentina.

> Un cucchiaio di sale dell’Himalaya.

Costringete con grazia il gabbiano a fumare il tabacco aromatizzato, ricordandogli che comunque l’età media di un gabbiano metropolitano non può superare i tre anni.

Prendete le lenticchie selezionate in precedenza da due vergini altoatesine e tagliatele à la julienne, prendendovi cura delle vostre dita, anche se dieci sono sempre state obiettivamente inutili.

Deponete sul vassoio di ceramica etrusca il pangrattato: per fare questo, aiutatevi ascoltando musiche tradizionali andine.

Aggiungete alle lenticchie tagliate da mani ormai bendate 2 cucchiai di olio andaluso e chiamate i vostri genitori per scusarvi in generale.

Raccogliete da terra il gabbiano in overdose e adagiatelo sul vassoio in posizione fetale, completo di piume e anellino di riconoscimento: a questo punto verrà versato sull’uccello il composto di lenticchie. Questo antico procedimento finale darà all’uccello invasore la possibilità di soffocare con dignità.

Munitevi di una teca di cristalli di Boemia dove inseriremo il nostro vassoio ricco e, con l’aiuto di un potente propulsore, (facile da trovare in ogni stazione aerospaziale) lanceremo una tale qualità di vapore capace di rendere il piatto appetitoso e originale.

Per concludere, cospargere sulla prelibatezza il nostro cucchiaio di sale dell’Himalaya, fondamentale che sia dell’Himalaya, se non l’avete (anche se mi sembra obiettivamente impossibile) potreste dover rinunciare al piatto, e sarebbe un vero peccato.

Consigli di Allen

Non ammaestrate mai il gabbiano prima della cottura. Le lenticchie vanno raccolte in silenzio. Assicuratevi di iniettare il vapore nella teca, lontano dalle abitazioni.

Da sapere

È facile perdere gli amici invitati.

Difficoltà

Onestamente difficile da digerire, ma un buon vecchio petardo può aiutare.

Advertisement