I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Il maschio incinto?!

di Luciana Littizzetto su Smemoranda 2017 - Tema Libero

Notizia ribaltone che stravolgerà la vita del maschio sulla terra. Da oggi nulla sarà più come prima più di prima t’amerò.

Il maschio umano fra dieci anni potrà partorire.

Il maschio dell’homo sapiens potrà, tra un decennio, rompere le acque oltre alle balle.

Lo dicono gli scienziati dell’Università di Cleveland e nello specifico la dottoressa Karine Chung che sta lavorando per la sperimentazione clinica del primo trapianto di utero, e alla quale dico: brava Chung, bella cazzata.

Ma scusa. Con tutte le malattie, con tutte le sofferenze che ci sono nel mondo, tu vai a pensare al trapianto di utero nell’uomo?
Ma ti sembra una priorità? Ne vedi tanti, tu cara Chung, di uomini in giro che desiderano una gravidanza? Non era meglio, se proprio volevi passare un po’ di tempo a inventare minchiate, se invece di cercare il metodo per far partorire gli uomini studiavi il metodo per farci fare la pipi in piedi a noi? Non serve a niente lo stesso, ma almeno non devi sventrare bacini e costruire uteri di plexiglass. Ma la Chung dice che in fondo far partorire i maschi non è cosi difficile perchè non ci sono tante differenze tra l'anatomia maschile e quella femminile.

Eh, certo. Uomo e donna fra loro si somigliano di più che una donna e una lumaca o un uomo e un tonno a pinne gialle. Minchia Chung. Guarda volevo parlarne con calma di ’sta cosa ma sento salire in me la sciopa… lo sciupun. Pazzesco. Deve essere proprio nell’istinto dei cinesi taroccare qualsiasi cosa… Lei dice che bisogna fare solo dei piccoli spostamenti di organi interni per fare spazio. Come quando porti a casa un mobile nuovo dell’Ikea. Cioè per farci entrare un utero per dire, devi spostare un trancio di fegato, levare due o tre costole, qualche metrata di intestino, appenderti un rene all’orecchio come un orecchino… Non mi sembra poco, amore della lontana Cina, sai? Per far partorire un uomo bisogna svuotarlo con il cucchiaino come si fa con gli avocado o i frutti della passione.

Senza contare che a fine gravidanza anche l’uscita classica è un po’ un problema. Da dove lo vogliamo far partorire? L’uomo, detto in bel modo, è un groviera a buco unico! Forse l’idea potrebbe essere far nascere il pupo dall’uscita posteriore, dall’ingresso artisti, dal tubo di scappamento… Se invece, cara Chunga, i bambini sono due gemelli si potrebbe tentare l’opzione di farli uscire dalle narici, come le caffettiere con i due beccucci, grandissima pirla. E tutto questo perché? Per permettere all’uomo qualcosa che molto difficilmente un uomo potrebbe desiderare.

Ma poi hai idea di che rottura di maroni fotonica un maschio incinto potrebbe essere per la moglie? Già quando avete le emorroidi voi maschi fate testamento, con la febbre a 37.8° chiamate tutta la famiglia al capezzale, se vi spunta una pustola dentro al naso avete paura che vi venga il cimurro, figurati in gravidanza. Voi uomini siete già terrorizzati se dovete strapparvi il cerotto da sopra i peli, figurarsi fare una decina di ore di travaglio e poi mettere al mondo un comodino di quattro chili! Le donne sì, le donne sono abituate a sopportare il male geneticamente da millenni! Ma gli uomini? Quanto pensate che romperebbero? E al posto dei vestiti premaman cosa ci sarebbero? Dei vestiti prepapan da uomo? Completo da bancario grigio con marsupio per pancia di otto mesi.

Guarda Cin ciu seck, se proprio vuoi donare a un uomo qualcosa che hanno solo le donne, regalagli le orecchie calve come le nostre. Che dopo i cinquant’anni ai maschi dentro le orecchie crescono cespugli di  rose spine.

Advertisement