I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Il trapano

di Antonio Albanese su Smemoranda 2013 - Friends

- ...No, tu non hai capito: è una ri-vo-lu-zio-ne. C’è una platea di 800 milioni di persone sparsi in tutti i continenti ai quali tu puoi parlare direttamente e in tempo reale. Per farti capire: io penso una cosa, la scrivo, e dopo un secondo tutti i miei amici nel mondo la leggono. -

- Uhm... -

- E non solo: io ho un’idea, un progetto; lo posto in bacheca, e dopo qualche minuto mi torna indietro migliorato, pieno di spunti, osservazioni, rivoluzionato. Capisci? È un modo per far circolare idee, lanciare appelli, conoscere gente. -

- Uhm... -

- Forse non mi sono spiegato bene. Io ho decine di migliaia di amici sparsi per tutto il globo. Io so tutto di loro e loro sanno tutto di me. Siamo una famiglia, una comunità, un popolo. Fidati, sai perché questa cosa non cambierà il mondo...? Perché lo ha già cambiato! Ora capisci? Ti rendi conto? -

- Uhm... -

- Per non parlare di Twitter... tu ce l’hai Twitter? -

- Uhm... -

- Non hai Twitter?! Mi spieghi una cosa, ma tu allora che cazzo c’hai? -

- Ho un trapano. Lo vuoi o no? -

- Sì, certo che lo voglio il trapano. -

- ’spetta qui. -

- Pensa te... ho migliaia di amici e centinaia di migliaia di followers sparsi per il globo e vengo a chiedere il trapano al mio vicino di casa... Oooh, vicino! Guarda se hai anche una punta dell’8! Ce l’avrai almeno una punta dell’8?! Oooh! Oooh! Dell’8! -

 

THE END

 

*scritto con Piero Guerrera

Advertisement