I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Bling ring: come ottenere la celebrità rapinando la gente famosa

di Laura Giuntoli
| News | Cinema e Tv | 0 commenti

Dalle telecamere di sorveglianza al grande schermo: la vera storia dell'ultimo film di Sofia Coppola

C'erano una volta, nel lontano 2009, cinque adolescenti, che su e giù per colline di Hollywood hanno svaligiato le mega ville delle celebrities. E così la baby gang in appena un anno di attività, ha raccolto un bottino di circa 3 milioni di dollari tra scarpe, gioielli, vestiti e ciarpame griffato. Tra le vittime Paris Hilton, Orlando Bloom e altra gente vip. Ultimo colpo: derubare il loro idolo, un'icona di stile e madrina di buon gusto: Lindsay Lohan. Poi sono stati beccati. Fine.

 

No, la storia non finisce qui. La notizia vera è che Sofia Coppola ha fatto un film su di loro con l'attrice glamour del momento Emma Watson e giovani attori sconosciuti, c'è pure un cameo di Paris Hilton e del suo armadio saccheggiato. Il film ha aperto la sezione Un certain regard al Festival di Cannes 2013 e uscirà nelle sale italiane il 26 settembre con il titolo "Bling Ring", nome con cui è stata battezzata la banda di giovani rapinatori. "Mi ricordo di quando se n'è cominciato a parlare nelle news, ma all'epoca non ci avevo prestato molta attenzione. Poi, quando ho letto l'articolo su Vanity Fair (ndr dal titolo I sospetti indossavano le Louboutins), ho pensato che sembrava proprio la trama di un film", dice Sofia Coppola.

L'ennesimo fatto curioso di tutta la faccenda è che Alexis Neiers, una del Bling Ring - nel film è interpretata da Emma Watson - all'epoca dell'arresto era protagonista di un reality show personale, dal titolo "Pretty Wild". Una cosa che si usa da quelle parti tra rampolle dell'alta società. Roba di classe in stile prediciottesimo, per intenderci.

Alexis Neiers e  Emma Watson

Così quando Alexis è finita in manette, ha avuto doppia razione di celebrità: immortalata dalle telecamere di sorveglianza mentre svaligia la casa di Orlando Bloom, e il lancio di un programma tutto suo sull'emittente E!. Perché the reality-show must go on e "Pretty Wild" ha documentato arresto + processo della sua eroina. Manco a farlo a posta i 30 giorni della condanna la Neiers li ha trascorsi in buona compagnia, nello stesso blocco di Lindsay Lohan, che era lì per i suoi problemucci con l'alcol. D'altronde uno dei pilastri della difesa di Alexis è stato dichiarare di essere ubriaca la maggior parte delle rapine. 

Alexis e due sorelle, protagoniste di Pretty Wild

Gioventù spregiudicata che finisce male, irresistibile. E poi il tema dell'adolescenza e dei suoi tormenti Dal giardino delle vergini suicide è la passione d'autore di Sofia Coppola:"Ragazzi giovani e carini che facevano quelle brutte cose nel mondo agiato e scintillante delle star... Sembrava che non si rendessero conto di aver fatto qualcosa di veramente sbagliato e che fossero interessati soprattutto alla celebrità ottenuta grazie alle rapine... Spero di non averli giudicati troppo, ma certamente li ho osservati a distanza usando un occhio critico".

Niente giudizi nel film, solo un monito: se la sacrosanta trasgressione adolescenziale diventa omologazione al mondo dei ricchi e famosi, se la sua poetica è quella di Jersey shore, se il suo idolo è la povera Lindsay Lohan, sono cazzi. O per usare le parole di Sofia Coppola: "Credo che il film guardi alla nostra cultura e al fenomeno dei reality e a come queste cose abbiano influenzato questi ragazzi. Ho cercato di raccontare la storia in modo che chi la guarda possa farlo dal punto di vista dei ragazzi, scoprendo quanto sia divertente ed eccitante, per poi alla fine assumere un'altra prospettiva e capire che loro si sono spinti davvero troppo oltre". 

Rende bene l'idea il truccatore Roz music quando dice che uno dei protagonisti del film è senza dubbio il lucida-labbra: "Le ragazze se lo mettono in moltissime scene. E' un elemento centrale per i loro personaggi"Insomma, con il lucidalabbra o no Certe luci della ribalta rovinano la carnagione, a una ragazza. Lo dice Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany. Vi basta come monito? Se non vi basta, ecco un assaggio del film:

Per saperne di più

www.blingring.it

Bling ring
Sofia Coppola
Emma Watson
Paris Hilton
Hollywood
cinema

0 Commenti

Scrivi un commento

Devi essere registrato per potere scrivere un commento.

Hai già un account Smemoranda?

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati
Advertisement