I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Bryson Tiller - Trapsoul

di Michele R. Serra
| News | Musica | Da ascoltare | 0 commenti

Mettere in rima "Rambo" e "Lambo"

Bryson Tiller

Trapsoul

RCA

Sempre più difficile intercettare nuova musica, nuovi cantanti che potrebbero fare il botto prima che lo facciano. Adesso i fenomeni nascono da un giorno all'altro sul web, e non puoi fare altro che seguirli, cercando di ricostruire la storia. Oggi raccontiamo quella di Bryson Tiller, 22 anni, originario del Kentucky. Dunque.

Un anno fa circa Bryson dormiva in macchina e serviva pizze da Papa John, una catena di fast food. Insomma, i soldi erano un problema. Poi ha lanciato nel mare di internet il video di Don't, e le cose sono cambiate un bel po'. Il pezzo ha trovato una certa visibilità e, con una svolta tipicamente americana, Bryson ha ricevuto una telefonata. All'altro capo del filo - che poi nel 2016 i telefoni non hanno fili, ma insomma - c'era Timbaland, cioè semplicemente il top produttore r'n'b dell'ultimo quindicennio almeno. Le sue parole sono molto chiare: "Caro Bryson, ragazzo mio, ho sentito la tua canzone. Sei bravo, ti voglio aiutare. Però devi mollare tutto, licenziarti e venire a Miami da me." E insomma, Bryson non ci ha pensato due volte.

A un anno da quella telefonata, ecco il primo album ufficiale di Bryson Tiller, che si intitola Trapsoul. E perché si intitoli Trapsoul è abbastanza facile capirlo... per farla breve, se metti insieme Young Thug e D'Angelo è ovvio che il tuo genere non può essere altro che Trap + Soul. E così Bryson, fedele a questa nuova linea appena trovata, un po' canta, un po' rappa. L'effetto non è male, soprattutto in casi come quello di Sorry not sorry, una canzone d'amore che contiene il campione di un videogame stra-classico come Street Fighter. Sarà una metafora? L'amore come battaglia tra i sessi? Boh. Probabilmente non lo sa neanche lui.

Una volta i cantanti r'n'b predicavano amore. Beh, quei tempi sono finiti. Bryson Tiller vuole essere il Rambo del soul. Staremo a vedere se ci riuscirà. Per intanto ha ottenuto l'approvazione di Sylvester Stallone, che come prima vittoria non è male...

rap
soul
Usa

0 Commenti

Scrivi un commento

Devi essere registrato per potere scrivere un commento.

Hai già un account Smemoranda?

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati
Advertisement