canzoni, margherite e zirconi

di Guido Catalano

Storie di Smemo
canzoni, margherite e zirconi

– sì

– no
– sì sì
– no no

(la donna è quella che dice no)

– quindi ti odio?
– perché devi essere così estremo?
– ti ho fatto una cassetta con le canzoni d’amore, tieni
– voglio dei fiori, non le canzoni d’amore
– ma c’è anche Elton John
– me ne sbatto, io voglio i fiori

(andai dal fioraio, dunque adesso il dialogo è tra me e lui)

– buongiorno vorrei un mazzo di fiori
– che tipo ti tipo di fiori?
– per innamorare
– rose?
– sì, me ne faccia mille
– rosse?
– sa va san dir
– trebien, vualà milles roses
– quant’è?
– duemila euros
– non li ho
– facciamo mille margherite?
– vada per le margherite
– vada
– vado

(tornai da lei col mazzo di mille margherite)

– ciao
– ciao, cosa tieni dietro la schiena?
– sarebbero dei fiori
– fammi vidi
– ecco
– margherite?
– mille
– volevo le rose
– guarda che le margherite son molto ma molto più romantiche
– certo, e magari dai diamanti non nasce niente e dal letame nascono i fior
– in che senso?
– lascia perdere
– vuoi un diamante?
– sì

(andai dal diamantaio, dunque adesso il dialogo è tra me e lui)

– buongiorno vorrei un diamante
– carati?
– anche no
– scusi?
– faccia lei
– guardi questo che bello
– quanto costa?
– per lei troppo
– infatti, mi dia mezz’etto di zirconi
– ottima scelta

(tornai da lei con gli zirconi)
– tieni
– cos’è?
– mezz’etto di zirconi
– ma sei scemo?
– perché?
– volevo un diamante
– ma guarda che belli, guarda che colori
– voglio un diamante
– ma lo sapevi che i poeti Indù raccontano che l’ultimo dono degli dei fu un albero ricoperto di frutti di gemme con foglie di zirconi?
– me ne sbatto
– ma lo sapevi che che lo zirconio viene utilizzato nei reattori nucleari?
– me ne strasbatto
– senti, ricominciamo da capo
– ochei
– ti amo
– no
– è vero