I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Chance the rapper - Coloring Book

di Michele R. Serra
| News | Musica | Da ascoltare | 0 commenti

Cos'è un mixtape? Boh

Chance the rapper

Coloring Book

Autoproduzione

I mixtape interessano ancora qualcuno? Quel modo di produrre musica completamente indipendente, underground, attraverso cui viaggiava la maggior parte del rap migliore negli anni passati, è ancora rilevante?

In generale, mica tanto. Ma a qualcuno, tipo Chance the rapper da Chicago, i mixtape interessano ancora. E infatti continua a chiamare così quelli che poi in effetti sono i suoi album di studio. Anche quest'ultimo Coloring Book, che avrebbe potuto essere chiamato semplicemente un disco - e anche un disco dalla risonanza assolutamente mainstream, visto che si permette di avere ospiti Kanye West, Lil' Wayne, Future, perfino Justin Bieber. Non sono proprio nomi da mixtape. O forse sono nomi da mixtape del 2016.

Vabbè, chiamiamolo pure mixtape, questo Coloring book, ma teniamo presente che è un disco hip-hop, uno dei più interessanti tra i molti usciti in questa primo metà 2016: anche e soprattutto perché è a un disco di, tipo, gospel hip-hop. Non sembrano due generi che possono andare insieme, a prima vista, e invece si stanno avvicinando.

Ancora di più in un disco rap che parla molto spesso di Dio, e che in generale sembra avere davvero un senso ecumenico: uniamoci tutti quanti, noi comunità afroamericana, noi che veniamo dalle strade (di Chicago o di qualsiasi alra città) e pensiamo positivo. Almeno, credo sia qualcosa del genere. E per quanto uno possa fare esercizio di cinismo, Chance sembra sempre credibile, a ogni traccia.

Coloring Book è un mixtape, e come tale esce dalle regole dell'industria discografica ufficiale (ammesso che queste ultime esistano ancora nel 2016). Ma è anche una dichiarazione di indipendenza musicale che rischia di far diventare la positività il nuovo cool della musica nera americana.

Ma poi. La cosa importante è che si tratta di un disco (mixtape, ops) splendido da ascoltare, e contiene canzoni che parlano di quello di cui parlano le canzoni importanti: della vita, del tempo che passa, dei cambiamenti.

rap
Usa

0 Commenti

Scrivi un commento

Devi essere registrato per potere scrivere un commento.

Hai già un account Smemoranda?

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati
Advertisement