Discorsi da Bar-3

di Giovanna Donini

Storie di Smemo
Discorsi da Bar-3

 
 
-che botta, hai sentito? Il Papa… si è dimesso. Papatrac. Dice che era stanco. In effetti pregare tutto il giorno stanca. Ma allora che deve dire la mia parrucchiera? Quella sta in piedi tutto il giorno, tutti i giorni anche dieci ore di seguito. Boh. Dice che dobbiamo pregare per lui. Noi? Qua c’è gente che non ha neanche soldi per piangere e lui dice che dobbiamo pregare noi per lui… ma se manco il Papa ha più la forza di pregare per noi chi lo deve fare allora? Dicono che il prossimo Papa forse sarà filippino… lo pagheranno dieci euro l’ora? 
 
-ieri hai visto Sanremo? No stavo lavorando. Ho sentito che c’è stato Crozza. Che bravo. Ho sentito che c’è stata la modella quella che si chiama Bar. Ho sentito che è morto il figlio dei Ricchi e Poveri. Si, ma le canzoni le hai sentite? 
 
-e quello là hai visto quello là ha ucciso la fidanzata, forse. Quello che corre, ma ha le gambe di ferro. Boh. Chissà cosa è successo. Dice che l’aveva scambiata per un ladro. Ma corri valà…
 
-chi vince le elezioni? Basta non se ne può più. Facessero il bene del paese. Punto. Che Berlusconi ha detto che forse farà il Papa. Si. Ci manca solo questa. Che si affacci pure da quella finestra. 
 
-comunque il gol era in fuorigioco.