I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

È quasi finita, sei quasi maturo

di Giovanna Donini
| News | 0 commenti

Manca poco all'inizio dell'estate più estate della tua vita

Quindi manca poco. È quasi finita. Sei quasi maturo. Il vocabolario dice che in teoria dovresti avere doti intellettuali e morali ben sviluppate, equilibrate. Io dico che ti trovi in un frangente di vita incredibile e irripetibile con frequenti perdite di equilibrio, e che questo ti potrà sembrare abbastanza scontato, ma non lo è. La testa, il corpo, il cuore e l'anima che possiedi oggi si trovano nell'istante migliore e credimi non avrai mai più modo di sentirti così. Sì, sei quasi maturo. Intanto lo sei quasi sulla carta. Poi dimostrare di esserlo davvero sarà un'altra questione. Conosco gente che non lo è, anche se di esami ne ha fatti cento più di te, ma non ti faccio i nomi perché sono troppi.

Manca poco. E comunque vada, per me sei stato all'altezza. Primo, non sei scappato (non ridere, c'è chi lo ha fatto e io ero tentata). Secondo, hai cercato di dare il meglio di te (l'ho capito perché ultimamente stavi addirittura meno su Facebook). Terzo, in qualche modo ti sei superato perché hai quasi cacciato in un angolo sia la paura che l'indifferenza, da sempre esagerate e spesso determinanti alla tua età.

via GIPHY

Manca poco. Manca solo l'ultima fatica, l'orale che forse è la prova più difficile o almeno per me è stato così e lo sai che sono una che parla con facilità. Gli scritti: tanta emozione, ma zero imbarazzo. Gli orali: tanta emozione, gigantesco imbarazzo, paura, ansia, orzaioli, salivazione azzerata, sudorazione eccessiva, mal di stomaco, mal di testa, mal di schiena, di pancia, di piedi, di occhi, di cuore, tachicardia, semi infarto, vertigini. Insomma, solo il parto credo faccia più male.

Ti senti meglio ora? No, ma è giusto che tu sappia che non sarà un momento facile. E che noi però possiamo capirti. Per questo momento voglio darti solo due piccoli consigli: il primo, bevi tanta acqua e viaggia informato che poi, se ci pensi, è una frase che ti sentirai ripetere fino all'anzianità. Il secondo è non barare, quello che sai sai, quello che non sai ammettilo con rara sincerità. La frase che, in questo caso, ti consiglio è: "Mi dispiace, non lo so", ma tu fammi un favore non la dire. Se puoi cerca di essere sincero solo con gli occhi, pochissime parole e zero scuse (ho un'amica a cui sono morti otto nonni e non ha fatto una bella figura).

via GIPHY

Manca poco. All'inizio dell'estate più estate della tua vita. Vabbè, sì anche le altre lo saranno, o lo sono state, ma nessuna sarà come questa. In questa tu potrai ripetere di continuo la parola "niente". Non faccio niente. Non penso a niente. Non ho niente o non ho niente da perdere. Oppure potrai ripetere di continuo la parola "tutto". Voglio tutto. Guardo tutto. Prendo tutto. Mi gioco tutto. Che va bene, ma basta che non ti giochi l'anima che dovrebbe essere l'unica che hai. Oppure potrai cantare e ballare e basta, senza nemmeno parlare. Volare e sognare e basta, senza nemmeno avere paura di cadere. Oppure potrai fare tutto o niente anche contemporaneamente.

Manca poco. Alla felicità. Vattela a cercare, lasciala arrivare, non te la far scappare, inseguila, raggiungila, toccala, mangiatela, spalmatela addosso, ficcatela dentro. Insomma GODITELA. Questa è la tua estate. Ultimo consiglio: dimentica tutti i consigli, ricordati solo di te e che Leopardi è stato bocciato in matematica. Sì, perché può succedere che in qualcosa sei il numero uno e in qualcosa no.

 

Maturità

0 Commenti

Scrivi un commento

Devi essere registrato per potere scrivere un commento.

Hai già un account Smemoranda?

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati
Advertisement