I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Massimiliano Larocca - Un mistero di sogni avverati

di L'Alligatore
| News | Musica | Dalla palude dell'Alligatore | 0 commenti

Disco-spettacolo. Di poesia

Massimiliano Larocca

Un mistero di sogni avverati

Brutture Moderne/Audioglobe

Un disco che è uno spettacolo, uno spettacolo fatto di poesia (quella del poeta Dino Campana) e suoni (quelli di Massimiliano Larocca, ma non da solo). Un sogno, sognato per noi dal cantautore fiorentino che, da sempre appassionato di Campana, poeta incompreso, poeta autentico, ha portato in un disco i suoi versi de “I Canti Orfici”, l’unico libro pubblicato in vita.

Ascoltando questo album ci si accorge della modernità dei versi del poeta di Marradi, Appennino tosco-romagnolo (il libro è del 1914). Non a caso, quasi tutti i musicisti che hanno partecipato al disco sono di queste zone: dai Sacri Cuori (i romagnoli Antonio Gramentieri e Diego Sapignoli) al toscano Riccardo Tesi, vera è propria “band” accanto al fiorentino Larocca, a Nada, voce recitante in un pezzo…

“Un mistero di sogni avverati” sono tredici momenti alti, intensi, tra i quali ho sentito più miei i seguenti: “Una femme qui passe” con l’organetto di Tesi al massimo e un gran cantato di Larocca (e la chitarra di Gramentieri), “Poesia facile”, cantautorato autentico (c’è pure Cesare Basile con una gran chitarra e voce), il folk-rock felice (è dedicato all’amata Sibilla Aleramo) “Vi amai nella città dove per sole”. Superba l’interpretazione di Larocca nel quasi-tango “Fantasia s’un quadro d’Ardengo Soffici” (e anche qui l’organetto di Tesi gioca le sue carte) e nel finale poetico/rock “In un momento”, con versi di una semplicità pari alla loro bellezza.

Ho amato molto questo disco, fin dal suo primo ascolto, poi tutti quelli dopo. Potrebbe essere il classico disco che ti cambia… non dico la vita, ma quasi. Te la rende più bella, poetica, forte, lasciandoti con una gran voglia di leggere Dino Campana… tra i prossimi libri da prendere ho segnato “I Canti Orfici”.

Per saperne di più

massimilianolarocca.wordpress.com       
"In palude con Massimiliano Larocca" sul Blog dell’Alligatore

poesia
cantautori

0 Commenti

Scrivi un commento

Devi essere registrato per potere scrivere un commento.

Hai già un account Smemoranda?

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati
Advertisement