I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Midnight in Paris

di Alessia Gemma
| News | Cinema e Tv | Quello che ho capito io | 0 commenti

Quello che ho capito io del film di Woody Allen, Midnight in Paris è che:

Woody Allen

Midnight in Paris

- Che, anche se non posso dirvi come finisce, sapete già come inizia: Jazz e Metropoli "Capitolo primo. Adorava New York, la idolatrava smisuratamente… ma no, è meglio la mitizzava smisuratamente… Ecco…" (cambiate New York con Parigi, il 1979 con il 2011).

- Che dai primi minuti e dalla prima battuta devi decidere con chi schierarti (e cito a memoria):
Il protagonista incantato: "Parigi è una città meravigliosa, qui Hemingway ha ambientato Festa Mobile…"
La suocera disincantata "Qui non c'è nulla di mobile con questo traffico"…

- Che la malinconia e il rifugio nel passato è una negazione del presente, o almeno un disagio nel presente. Quindi fa bene!

- Che se hai visto tutti i film di Allen impari a farti autoanalisi spicciola che ti sostiene per almeno un giorno.

- Che se Woody non cita più almeno tre volte l'analista, allora è veramente una moda in declino.

- Che la coppia e l'individuo nella coppia sono sempre il tormentone nei film di Woody e che a un certo punto del film Woody sa benissimo che quella coppia non può andare avanti, e la smonta!

- Che per Woody uno dei lavori più disdicevoli continua ad essere lo sceneggiatore di Hollywood!

- Che il trailer perfetto è quello che non spiega un cavolo del film, tanto che arrivi in sala quasi per dovere e invece ti ritrovi sorpreso.

- Che il maschio sognatore e malinconico, che oltretutto trova bello passeggiare sotto la pioggia di Parigi, oggi, tempi moderni, fa sempre un po' la figura del pirla, soprattutto al cospetto di donne ricche…

- Che al solito con Woody un po' ridi per divertimento, ma un po' ridi anche per far capire agli altri in sala che hai capito i riferimenti e che sei molto molto intelligente.

- Che Carla Bruni in jeans e camicina tiene ancora botta, accidenti!

- Che Carla Bruni è molto più famosa di Adrien Brody: compaiono entrambi per 5 minuti massimo ma con lei tutta la sala mormora.

- Che Hemingway faceva ridere.

- Che Zelda Fitzgerald era una pazza vera…

- Che forse può essere un po’disdicevole, ma è credibile e diverte molto che Pablo Picasso, come viene detto nel film, pensasse che “le donne o si dipingono o si portano a letto” (questo punto me lo ha suggerito un maschio!)

BONUS: quello che non ho capito io

- Chissà se Woody lo sa che una delle solite morali dei suoi tanti film l'aveva perfettamente riassunta il nostrano Guccini:
"Non capisci quando cerco in una sera
un mistero d' atmosfera che è difficile afferrare,
quando rido senza muovere il mio viso,
quando piango senza un grido, quando invece vorrei urlare,
quando sogno dietro a frasi di canzoni,
dietro a libri e ad aquiloni, dietro a ciò che non sarà...
Vedi cara è difficile a spiegare,
è difficile capire se non hai capito già…"

- Perché la protagonista tanto ricca ha sempre su lo stesso paio di scarpe?

Woody Allen
Midnight in Paris
Parigi
film

0 Commenti

Scrivi un commento

Devi essere registrato per potere scrivere un commento.

Hai già un account Smemoranda?

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati
Advertisement