I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Nx Worries - Yes, Lawd!

di La redazione
| News | Musica | Da ascoltare | 0 commenti

In musica, 1+1 non sempre fa 2

Nx Worries

Yes, Lawd!

Stones Throw

Anderson.Paak (si scrive così, pare) è un tipo che - a poco più di trent’anni - ha già avuto una serie di brutte esperienze nella sua esistenza: padre violento, madre in prigione, finire senza lavoro e senza casa, a dormire in macchina.

E poi ha avuto tutto il contrario.

Negli ultimi tre anni, il successo musicale, le apparizioni sui dischi di gente come Dr.Dre, la notorietà, i soldi. Quindi non stupisce che il suo ultimo disco si intitoli Yes, Lawd! che è come ringraziare un’entità superiore per averti concesso qualcosa proprio quando la tua vita sembrava destinata a finire giù per lo scarico del mondo occidentale.

Però questo disco non è solo un disco di Anderson.Paak, altrimenti ci sarebbe il suo nome sulla copertina. Invece c’è scritto Nx Worries, che è sicuramente un nome che riflette lo stato attuale della vita di questo ragazzone californiano. Ma va bene anche per riflettere l’approccio alla musica del suo compagno di avventure in questo album, e cioè il produttore Knowledge affiliato all'etichetta Stones Throw, ormai da un ventennio casa dell’hip-hop più sperimentale. Infatti l’approccio alla musica di Knowledge è che non c’è problema, "no worries" a mischiare dentro l’hip-hop un po’ di gospel e funk, country e soul e anche un po’ di disco. Del resto, perché no?

Così diventa chiaro che l’importante non è tanto che ogni volta venga fuori proprio una canzone: l’importante è il suono, le atmosfere e la capacità appunto di suonare i campioni come strumenti musicali. Personalmente avrei preferito canzoni, ma chi sono io per giudicare?

Quando metti insieme due molto bravi a fare quello che sanno fare, nella tua testa le aspettative si alzano, perché pensi che un disco di due artisti bravi insieme ti piacerà il doppio di quanto ti piacciono singolarmente. Ma poi ti accorgi che non è così, che la musica non funziona come la matematica, semplicemente seguendo la regola delle addizioni. E alla fine magari il disco di due dei tuoi musicisti preferiti ti piace la metà, non il doppio, rispetto al solito. Quindi, anche se non è poi male come questo Yes, Lawd!, continui a pensare che avrebbe potuto essere molto meglio.

hip hop
rap
soul

0 Commenti

Scrivi un commento

Devi essere registrato per potere scrivere un commento.

Hai già un account Smemoranda?

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati
Advertisement