I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Ottodix, MicrΩmega

di L'Alligatore
| News | Musica | Dalla palude dell'Alligatore | 0 commenti

Elettronica umanistica

Ottodix

MicrΩmega

Discipline/Master Music

Notevole disco di elettronica umanistica da parte dell’artista veneto Alessandro Zannier alias Ottodix. Con “MicrΩmega” ha creato un lavoro sfaccettato, interessante e allo stesso divertente, un pop electrowave cantanto in italiano, che non sfigura per nulla a livello internazionale, anzi... Ispirato al Voltaire di “Micromega”, testo filosofico fantascientifico, permette a Ottodix una disamina del mondo di oggi, tra superstizioni, ricerche scientifiche online, credenze e superstizioni da sfatare.
Nove pezzi tutti da ascoltare, con una lucidità pari solo alla loro vibra.

Il mio preferito è quello che ha dato (quasi) il titolo all’album, quel “MicrΩmega Boy” dal testo impeccabile, sul moderno uomo sempre giovane, sempre connesso, ma che ha inevitabilmente perso il senso del reale ... a tratti classicheggiante, è un brano bello da morire, ideale per trascinare l'intero disco. Altrettanto belle e interessanti "Planisfera", avvolgente elettronica umanistica, e "Zodiacantus", ironico, ritmico, giochetto elettronico buono hit per la radio, grazie a ritornelli azzeccati e l'uso calibrato del synth. Da citare pure "Elettricità", canzone pop di gusto internazionale con chitarrina sopraffina e un altro bel testo, e "Multiverso", maestoso finale del disco dove perdersi e ritrovarsi tra tastiere, loop illuminanti nei suoi sette minuti e rotti di durata.

“MicrΩmega” è un concept-album come non se ne fanno più, ambizioso nel suono, quanto nei testi e nel modo di proporli, dai live ai contenuti extra che potrete trovare a partire dal Facebook dell’arista veneto. Uno dei dischi più interessanti dell’anno. Imperdibili per gli orfani di Bjork e dei Depeche Mode, con il valore aggiunto della lingua italiana…

Per saperne di più

it-it.facebook.com/ottodixband/

In palude con Ottodix sul Blog dell’Alligatore

elettronica
pop

0 Commenti

Scrivi un commento

Devi essere registrato per potere scrivere un commento.

Hai già un account Smemoranda?

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati
Advertisement