I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Picciotto - Storyborderline

di L'Alligatore
| News | Musica | Dalla palude dell'Alligatore | 0 commenti

Rap siculo-classico, politico-poetico

Picciotto

Storybordeline

Irma Records/Mandibola

Storie ai margini. Di personaggi pubblici, di semplici cittadini: donne, uomini, giovani boss, prostitute d’alto bordo, calciatori ribelli. Un bel campionario quello proposto senza sosta nelle 12 canzoni (più 3 bonus track) dal rapper palermitano. Picciotto è un rapper classico, frequenta le periferie del mondo sulle quali scrive e vive direttamente le sue storie. Politico-poetico come non sentivo da tempo.

Inizia subito con “Amarcord”, vero e proprio amarcord di questi primi 15 anni, da Genova 2001 a Mafia Capitale, passando per le Torri Gemelle e le guerre dopo, la crisi, la morte di Arafat e quella di Pantani, Cucchi, la ThyssenKrupp, Berlusconi, Riina, Katrina, Wilkileakles, ma anche Olindo e Rosa, lo Tsunami, Garlasco, Moggi, Ruby Rubacuori, D'Addario, Obama, l'Aquila e chi ride su quei morti, i migranti sui barconi. Non dimentica nessuno dopo quell’intro di organo, come nelle restanti canzoni.
Da “Mara”, che studia per diventare farmacista e per il suo riscatto sociale, e si ammala in un'industria farmaceutica senza scrupoli, a “Silvia” e la sua storia di prostituta d'alto bordo, atmosfera glaciale e sofisticata come quel mondo. E poi “Tonino” un povero ragazzino che si è fatto largo nella mala, il carcere, e il suo acculturarsi per liberarsi (forte ritornello, suggestivi i fiati, per una storia piena), “Luca, Giulia e Vale”, pezzo dedicato alla community LGBT (non a caso con lui anche McNill), “Rocco”, poliziotto fascistoide, per un pezzo dinamico, forte e vero. Come è vero “Mumia”, dedicato a Mumia Abu-Jamal, la sua biografia ancora una volta raccontata, con le parole giuste …

Parole giuste, quelle di Picciotto, per un concept-album sull’oggi. Completano il progetto un libro, dei cortometraggi, e magari, domani un film. Picciotto non si pone limiti… buon per lui.

Per saperne di più

https://www.facebook.com/PicciottoGSP/     
"In palude con Picciotto" sul Blog dell’Alligatore

rap

0 Commenti

Scrivi un commento

Devi essere registrato per potere scrivere un commento.

Hai già un account Smemoranda?

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati
Advertisement