I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Manchester by the sea

di Michele R. Serra
| Show | Cinema e Tv | Da vedere | 0 commenti

A volte val la pena di raccontare anche storie tristi

Kenneth Lonergan

Manchester by the sea

Universal Pictures

Questa è una storia di vita quotidiana. Minimale, crepuscolare, chiamatela come volete. Inizia con il protagonista Casey Affleck da solo, senza amici e senza amore. Lavoro sì, ma si vede che non è esattamente felice. Anzi. Si capisce che nasconde qualcosa, una qualche colpa che gli fa portare il peso del mondo sulle spalle. Poi, tempo 15 minuti e già gli capita una grande sfiga. Non diciamo neanche qual è, tanto c'è il trailer qui sotto.

Ora, meglio prevenire la tipica critica che arriva in casi come questi.Un pregiudizio, a dire il vero. Il seguente: “Ma non ne abbiamo viste abbastanza, di storie di famiglie-disfunzionali-nella-provincia-americana?”

... Ecco, sì, in effetti Manchester by the sea non è un film esattamente originale. Però è potrebbe essere un film meraviglioso. Ovviamente se siete coscienti del fatto che non ci saranno spade laser, robottoni o Vin Diesel che prende a testate volanti i cattivi. No, proprio no.

Vero, vedere due ore di persone-che-parlano, che cercano di venire a patti con le loro sofferenze, con le difficoltà che la vita gli ha messo davanti, può essere anche una grandissima palla. Però.

Però il regista Kenneth Lonergan mette insieme tutto con una tale precisione - a partire dai dialoghi per continuare con i vestiti, gli ambienti, i mezzi di trasporto - che è impossibile non essere risucchiati dentro la storia. Perché è tutto incredibilmente autentico, nonostante sia pura costruzione drammatica, fiction. Questa è esattamente la materia di cui è fatta la grande letteratura americana. I racconti di Raymond Carver o i romanzi di Richard Ford, per dire. La stessa cosa.

E poi intendiamoci, Manchester by the sea è anche un film molto ironico, perché la vita è spesso ironica, e quando succedono fatti terribili una delle poche cose che ci restano da fare è riderci sopra. E ci si può ritrovare, che ne so, a parlare di Star Trek durante una veglia funebre. Ecco, sono queste le cose che racconta Manchester by the sea. Le racconta meravigliosamente. Che è il motivo per cui non è solo una storia triste come tante altre.

Usa
vita
dramma

0 Commenti

Scrivi un commento

Devi essere registrato per potere scrivere un commento.

Hai già un account Smemoranda?

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati
Advertisement