I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Captain Mantell, Dirty White King

di L'Alligatore
| News | Musica | Dalla palude dell'Alligatore | 0 commenti

Combattere il potere. Con rock e blues e psichedelia

Captain Mantell

Dirty White King

Dischi Bervisti/Goodfellas

“Dirty White King”, Sporco Re Bianco, con questo titolo forte ritorna a deliziarci Captain Mantell, rocker veneto di chiara matrice alterntive-rock. Qui ci presenta un vero e proprio concept sul potere contro il quale ribellarsi e combattere nonostante le conseguenze. “Il regnante viene ucciso e il regicida viene braccato fino alla morte. E il cerchio si chiude per ricominciare da capo senza che nulla sia cambiato... forse”, questo mi ha detto nell’intervista sul mio blog. Lui per farlo usa la chitarra, e lo fa davvero bene.

Il trio di musicanti, con ospiti d’eccellenza apre proprio con una tiratissima title-track, autentico indie-rock intrinsecamente blues, prosegue con un pezzo acido e saltellante con un sax che ti prende alla gola, “The Invisible Wall”, cala l’asso con il quinto brano, “Worst Case Scenario/Alone” dalle suggestioni grunge e dove il terzetto suona come un solo uomo. Freschi e diretti fin nelle viscere nell’ipnotica “Let It Down”, maestosi nella psichedelica “Inner Forest” cantata insieme a Francesco Chimenti dei Sycamore Age, che vi suona pure il violoncello elettrico, maledettamente poetici nella ritmica “In The Dog Graveyard” con Manzan a giganteggiare con il suo violino.
Una chitarra molto presente, un sax che urla note furenti, il ritmo dei tamburi e tante storie da raccontare da una voce versatile e cavernosa, questo in sintesi “Dirty White King”. A produrlo il meglio della scena delle Indie italiche: Overdrive Records, Dischi Bervisti, Dischi Sotterranei, Cave Canem, Goodfellas come distribuzione e Gaetano Bresci come Spiritual Guidance.

Per saperne di più

www.captainmantell.com
"In palude con Captain Mantell" sul Blog dell’Alligatore

rock
blues

0 Commenti

Scrivi un commento

Devi essere registrato per potere scrivere un commento.

Hai già un account Smemoranda?

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati
Advertisement