I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Smemoranda: dimmi che colore usi, ti dirò chi sei

di Olga Mascolo
| Storie di Smemo | 10 commenti

Dentro quadretti, fuori rosso fluo, turchese, bianco, giallo e nero metallizzato. "La gente vede la follia nella mia colorata vivacità e non riesce a vedere la pazzia nella loro noiosa normalità!" (Johnny Depp, in Alice in Wonderland)

Il dilemma non è più: m'ama o non m'ama? Il dilemma è: di che colore compro la Smemo? Certo, non è una scelta facile, te la porti dietro per 16 mesi. Ti diamo una mano.

ROSSO FLUO


Ma vale ancora che se vi prendete qualcosa di rosso siete un po’ “de sinistra”? Non lo sappiamo più anche perché in questo caso si tratta di rosso fluo e dunque un rosso corallo o un rosso di sera. Sera? No, no: notte. Quest’anno la Smemo ha come tema la notte, e quale colore meglio del rosso (e del blu di Prussia a dirla tutta) esprime le atmosfere oniriche da viaggio al termine della notte? Ok, il blu di Prussia. Ma noi non ce l’abbiamo in cartellone, e nemmeno in programma. Il rosso è bello.

Profilo: se avete scelto il rosso non sappiamo più se siete di sinistra, ma sappiamo per certo che non votate Forza Nuova et similia. Perché se l’estetica a sinistra non è più nettamente definibile, è vero che l’estetica di Forza Nuova è sempre quella e per loro rosso= comunista= mangianoibambini ecc.

Siete persone grintose ed energiche, talvolta col vizio del gioco (candy crush saga, un poco ruzzle, un poco il tipo che corre). La vita vi chiede di diventare intellettuali, e voi state facendo di tutto per farlo: Siddharta, Bukowsky, Kundera, like a profusione sotto qualunque frase che rechi la sigla PPP.

Ma avete sbagliato tutto. Orientate le vostre letture sull’Inferno di Dante e Oblomov e vedrete che l’anno prossimo passerete alla Smemo Gialla. Siete ariete, toro, cancro, giraffa, topo e bamboccio. Siete persone con degli ideali, dei valori, dell’onestà, della sincerità, della franchezza: tutti sinonimi di “disoccupato”.
 
Consigli:
Avete bisogno di una prosa coi piedi per terra, voi. Sciascia, direi: leggetevi Todo modo o La scomparsa di Majorana.

Film:
Avete bisogno di film con unità di luogo e spazio, tipo Carnage. O l’ultimo di Bertolucci. O Hitchcock, La finestra sul cortile. In linea di massima sparatevi tutto Hitchcock e imparate a guardare dalla finestra. David Lynch fa male.
 
Musica:  Smettetela di mettere in loop sempre la solita canzone d’amore. Guardate che su Spotify poi si vede.

Rihanna dai capelli Rosso Fluo

BIANCO

Futuri igienisti dentali, sappiamo per certo che se Nicole Minetti avesse avuto la possibilità di avercela bianca la Smemo, l’avrebbe comprata così (chissà se aveva Comix, lei?).

Il Bianco è il colore del candore, del lounge, del minimal. Il bianco è il colore da cui tutto parte e su cui il niente arriva. Il Bianco, a onor del vero, è il colore di Armani, il vero colore di Apple, il colore del pulito. Il bianco è il colore della saggezza: canute sono le teste dei saggi. Bianco è il colore della forfora. Bianca è il nome di un film. Bianco è il colore del vino delicato. Bianca è la panna. Bianco è il latte. Ok, ci fermiamo qui, poi è come la storia di quando si cominciano a misurare le cose coi righelli.

Il punto è: buon dio ragazzi! Siete adolescenti, come farete a trasgredire se vi prendete ora come ora la Smemo bianca? Se oggi come oggi affidate al bianco la vostra estetica, come farete a quarant’anni a diventare zen? Dico, se prima non avrete passato un percorso di formazione adeguato che vi porterà dalla vita dissoluta alla conversione e quindi all’amore per il cibo macrobiotico e per la roba zen. Ok, ok, il bianco è tabula rasa, è la base. Sul bianco scarabocchi da dio. Il bianco è una T-Shirt bianca sui un Jeans, il bianco è... ci risiamo!

Tant’è... profilo: se avete scelto il bianco avete sempre ragione. Il cielo è sopra di voi e ha torto, maledettamente. Sapete sempre qual è la cosa giusta. Non fate alcuna fatica a ottenere le cose perché il mondo ve lo deve. Quando avevate 5 anni insegnavate a vostra madre come tagliare le zucchine in modo da sprecare il meno possibile, da sporcare il meno possibile (vostra madre vi ha odiati, ma poi ha cominciato a chiedervi consigli). Avete stile e sobrietà. Classe da vendere. Mi sa che avete pure i soldi. Non posso darvi dei consigli, perché non ne avete bisogno. Ma posso dirvi come trasgredire. No, non ve lo posso dire qui, scrivetemi in pvt.
 
Intelletto: mettete giù quei libri di design e coltivate la passione per la ritrattistica medievale e l’horror vacui. Prendete una bomboletta e cominciate a inguacchiare la vostra copertina smemo. Leggete il saggio su Kafka Romanzo e parabola, di Baioni (quando ne trovate una copia speditemela io lo cerco da una vita). Leggete Amelie Nothomb, quello che volete. Lasciate stare Franzen etc.

Film: buon Dio, piantala con Malick e tutta quella roba!
 
Musica: basta ascoltare i Beatles nel loro periodo indiano!
biblioteca Stadtbibliothek Stuttgart, Germania

 

GIALLO

Ok se avete il giallo siete dei narcisi. No way. Siete cool. Siete raw. Siete hipster. Voi sapete sempre qual è il posto in cui andare a qualsiasi ora: venerdì sera al Coconut, sabato al Chestenut, mercoledì aperitivo noci-gogo. Avete un letto fatto da voi coi pallet. Avete buttato quello da 3000 euro che vostra madre vi aveva comprato. Avete dipinto dei fonzies enormi sulle pareti della vostra camera, se siete uomini; avete incollato foto di cassonetti di tutto il mondo se siete donne. Molto probabilmente siete dei/delle dj. Se vi chiedono di uscire dite sempre di no, a priori. Poi cambiate idea e chiamate all’ultimo: “allora c’è un posto per me in macchina?”. Vi spoglierete presto dei vostri beni, rinuncerete presto alla carne, indosserete magliette in cotone purissimo coltivato in casamaroncosndlwdwd h xewjkljewf. Lì.

“Quant’è bella Berlino, e quanto è bella questa situazione”. Dettate tendenze, ma non lo sapete. I vostri genitori hanno cominciato a chiedersi se siete veramente figli “a loro”, voi avete risposto con una foto del vostro piatto (consumato coi vostri genitori) su Instagram che reca l’hashtag: #yes. Ma gliel’avete mandato con un messaggio su Facebook, anche se è un po’ troppo mainstream, quindi vi siete scusati.
Grazie a Instagram gli avete fatto vedere pure il vostro tatuaggio: un teschio coi ricami se siete una donna (pieno steam punk), una scritta tipo "TIPO" se siete uomini.
 
Profilo: mi sa che era quello sopra. Ma a voi piace così, right?
 
Libri: vabbè, dai mettela giù tutta quella roba alla D. F Wallace e leggetevi il Paradiso di Dante. Poi andate nella libreria di Broadway market, a Londra e compratevi Theory of the young girl di Tiqqun. Quando l’avete finito mi fate un riassunto? Se no, via, coerenza: tutto Sartre e Susan Sontag On Photography.
 
Film: qualunque, purché sia muto e proiettato a ripetizione sulla parete della vostra camera. Come? A ripetizione. Come? A ripetizione. Come? A ripetizione.
 
Musica: qualcosa che stia bene coi film muti. Che so, Wagner, Tristan und Isolde.


 
NERO METALLIZZATO

“Un’altra giornata così e la faccio finita.” Così cominciate le vostre giornate, mentre vi mettete cazzuolate di fondotinta bianco e consumate una matita nera di nero kajal al giorno. Arrivate a scuola che avete già un’idea precisa che tutto questo è inutile. L’istruzione? Inutile. La scuola? Inutile. La matematica? Inutile. Uscire di sera? Inutile L’amore? Inutile. Mangiare? Inutile. Non mangiare? Inutile. Salutare? Inutile. Voto alto? Inutile. Voto basso? Indifferente. Dai? Sì, ma comunque inutile. Discoteca? Inutile. Concerto? Inutile. Mare? Sei pazzo. Sole? Noooo. Romantico? Inutile.
Luna? Bella.
COME?
Sì, la luna è bella. La luna, la notte, le stelle.
Ma allora sei un romantico?
No, direi che essere romantici è inutile.
Ma allora è per te che abbiamo inventato la Smemo notte…
Sì, tieni presente però che…
È inutile?
Eh.
Senti, leggiti tutta la beat generation. On the road. Secondo me tu ce la fai.
Ok...
E guardati tutto Antonioni, la trilogia dell’amore, poi dimmi se piangi.
Ok.
E buon anno.

 
TURCHESE

L’azzurro piace a tutti. Devo ancora conoscere una persona che abbia detto un no chiaro e deciso all’azzurro: figuriamoci il turchese, che non ha nessuna connotazione carta da zucchero, militare (blu navy) o pastello. Per cui, come definire un profilo di una persona che potrebbe essere chiunque?
No, non siete conformisti, non siete banali... piano con le definizioni.
Siete solo degli indecisi. Siete che ci mettete due ore a ordinare al ristorante, dieci ore prima di comprare una maglietta, 9 settimane prima di dare il sì definitivo per una vacanza.
Siete ogni tanto dei bugiardi. Lo so perché lo fate: volete che arrivi la Maga Turchina e che vi porti sulla retta via. Avete bisogno di essere sgridati, perché un po’ vi piace e sentite che è questo il modo con cui la gente vi dimostra l’affetto.
Siete dei sognatori. Dopo tutto il turchese è il colore che richiama a quel bel ciel terso delle prime ore del mattino, che è il cielo più carico di aspettative, quello che ci dice: tutto può succedere. E allora, let it be.
 
Da leggere: Se una notte d'inverno un viaggiatore di Italo Calvino. Poi… libri di teoria d’arte. Partite da Kandinsky, Lo spirituale nell’arte. Una biografia di Van Gogh. Conversazione in Sicilia, Elio Vittorini. Madame Bovary, Flaubert.
 
Da ascoltare: i consigli delle persone fidate.
 
Film: tutti quelli con la fotografia, i costumi e le scenografie dalle sfumature azzurre: I Puffi e Avatar imprescindibili. Film Blu della trilogia di Krzysztof Kieślowski no, troppo scuro. Poi quelli con le locandine in turchese, perché sei un esteta: On the road, Milk, E.T...

EXTRA:

- Se poi usi la LIMITED EDITION gommosetta, allora è tutta un'altra storia... è un profilo troppo soggettivo, una personalità troppo definita per poterla definire. Sai quello che vuoi, lo cerchi, lo trovi.

 

- Se invece la vuoi solo come dici tu, 'piccicaci sopra gli adesivi che trovi dentro e non se ne parla più! Ma ci vuole talento!

Vota il tuo colore preferito

  • 30%
    75 voti
  • 24%
    60 voti
  • 15%
    37 voti
  • 8%
    20 voti
  • 7%
    18 voti
  • 6%
    17 voti
  • 4%
    10 voti
  • 3%
    9 voti
246 voti totali
rosso
bianco
giallo
turchese
nero
colori
Smemo by night

10 Commenti

aleasia99

È bello

elleexpo

bellsimo l'ho preso blu e presto sarà ricoperto di adesivi xD xD

tartaruga24

Io lo ho preso fucsia limited Edition!

Rosa =)

io ero indecisa tra turkese e rossso ma aala fine rosso fluo

BeaXD

rosso fluoooooooooooo!!!! LOL

Sparkly Sparkle

E vai con la Smemo turchese quest'anno! :D

milw4ukee

quello turkese è il più bello sicuramente già sarà consumato prima ke kominci la squola!!! xD

Egezona Voci

io amo la mia smemo nero metallizzato!!!!!!!!!!!!!!!!!!! XD XD però oggi è stato il mio primo giorno di scuola!!!!!!!!!!!!!! :( però avevo la smemo!!
evviva!!! ♥♥♥SMEMO♥♥♥

_Alexia_16

rosso fluoooo fantasticooooooooooooooooooo

frafra01

rosso fluo XD

Scrivi un commento

Devi essere registrato per potere scrivere un commento.

Hai già un account Smemoranda?

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati
Advertisement