I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Sturgill Simpson - A sailor's guide to earth

di Michele R. Serra
| News | Musica | Da ascoltare | 0 commenti

Country + soul = America

Sturgill Simpson

A sailor's guide to earth

RJ Records

Siamo nel 2016, gli anni dei mega-raduni EDM, dei video pop su youtube da milioni di visualizzazioni, dei ragazzi coi cuffioni che ovunque nel mondo ascoltano Kanye West e Kendrick Lamar. Eppure anche in un mondo del genere l'America (sorgente primaria di ogni flusso musicale) continua ad amare una roba d'altri tempi come il country, e a cercare nuovi cantautori che incarnino quello spirito della provincia (chiamatelo Nashville, se volete). L'ultimo ad aver scaldato i cuori degli americani sembra essere un tipo-country del Kentucky, con un semplice disco di sole nove canzoni.

Lui si chiama Sturgill Simpson, e la sua vita è gia da catalogare sotto la voce Americana. Nato da una famiglia di minatori, con il padre che faceva il poliziotto, si è arruolato in marina da giovane, e dopo aver viaggiato sulle navi per tre anni è andato a lavorare in un deposito delle ferrovie in zona Salt Lake City. Molto country come vita, no? Comunque, a tempo perso suonava con il suo gruppo bluegrass. Poi si è sposato e si è trasferito a Nashville con la moglie, per respirare la stessa aria di Johnny Cash e degli altri grandi country singer.

Però quando ascolti le canzoni di contenute in questo A sailor's Guide to Earth, ti viene in mente che country sia una definizione piuttosto riduttiva. Sarà che Sturgill Simpson è buon amico di tale Bobby Emmet, che è un pezzo fondamentale della band retro soul The Dap-Kings e qui suona con lui, e il risultato è che, se questo è ancora country, è un country pieno di funk, pieno di soul. E se pensate che musica tipicamente bianca e musica tipicamente nera non stiano bene insieme, bè, non è così. Anzi.

A sailor's guide to earth ha un groove di fiati e organi che spesso porta in spalla le canzoni, ma è comunque un disco da cantautore, di quelli che raccontano cose intime: tipo la nascita di un figlio, che ti mette in testa tutta una serie di pensieri contraddittori. E magari riesce a farti sentire più solo di prima.

country
rock
Usa

0 Commenti

Scrivi un commento

Devi essere registrato per potere scrivere un commento.

Hai già un account Smemoranda?

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati
Advertisement