I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Trick or treat?

di Marina Viola dall'Ammmerica
| News | Cose dall'altro mondo | 0 commenti

Perché odio Halloween

Tra poco è Halloween. Mi fa venire i nervi solo a pensarci: bambini vestiti da pirla e iperagitati da dosi massiccie di zucchero che bussano gridando "trick or treat!". I cani che abbaiano ogni volta, e io che vado ad aprire e devo ripetere sempre almeno tre volte perché non mi ascoltano di prendere solo un dolcetto, non sedici. I genitori stanno un po' indietro e immancabilmente devono ricordare ai loro marmocchi di dire grazie, e i bambini che non lo dicono comunque mai perché vengono tirati sù male. Io li odio tutti: cani, bambini, genitori, dolcetti, vestiti da superman e da principessa. Li odio perché di Halloween ho un pessimo ricordo. Avevo diciannove anni e era la mia prima volta in America, non parlavo una parola d'inglese, e le uniche amiche che avevo erano due ragazze francesi, anche loro disorientate e tagliate fuori da qualsiasi conversazione con gli oriundi. Ho imparato il francese a scuola, per cui so tutta la grammatica perfettamente, ma non so parlare, ma con un giro di parole, un giorno mi fecero capire che eravamo state invitate a una festa di Halloween da uno che le aveva abbordate da Starbucks.


Passammo il pomeriggio a prepararci: io ero vestita da gatto (con coda, baffi, orecchie), e le francesi non mi ricordo, ma anche loro da coglione, come me. Finalmente, belle pronte, uscimmo di casa per andare alla festa e notammo che nessuno per la strada era vestito da Halloween, ma stranamente non ci preoccupammo. Arrivate all'appartamento della festa, tutte felici e un po' agitate bussammo e ci aprì un figo che ci guardò e si mise a ridere come un pazzo. Chiamò alla porta anche gli altri invitati che scoppiarono a ridere: Halloween era il giorno dopo. Bella figura di merda, noi straniere....


Ha un pessimo ricordo anche la mia amica danese con cui ho studiato grafica pubblicitaria anni dopo. Lei andò a una festa vestita da albero di Natale: leggings verdi, maglietta verde, stella sulla testa e lucine avvoltetutte attorno al suo bellissimo corpo da danese, appunto. A causa delle lucine, dovette stare tutta la sera vicino a una presa. Mentre era lì vicino alla sua bella presa e si guardava attorno attonita nel vedere altri ventenni vestiti in modo bizzarro, sentì un ragazzo dire: "I want to fuck the Christmas tree". Lei si staccò con rabbia dalla presa, rischiando di rimanere fulminata, lo mandò a cagare e se ne andò dalla festa indignata.


Tutto per dire che noi stranieri non siamo fatti per festeggiare Halloween, malgrado qualcuno in Italia ci stia provando. E aggiungo: se proprio volete festeggiare tutte le feste americane, allora dovete, per coerenza, cuccarvi anche le altre, tipo la Festa del Ringraziamento con il tacchinazzo disgraziato che lo cucini per sei ore perché pesa dodici chili e poi è asciutto che sembra di mangiare un pezzo di carta. Oppure cominciate ad andare a lavorare il primo maggio, che è da comunisti festeggiarlo, e fatevi il Labor day davanti a un grill incrostato di sudiciume nella periferia di una città ormai in decadenza, con un gruppo di americani oversize già ubriachi di birra alle undici del mattino. Per non parlare, sempre per coerenza, delle tre ore a botta delle partite di baseball, dove i giocatori non fanno che sputare e toccarsi le palle, o le quattro ore di football, con energumeni che tentano di ammazzarsi per una palla che non è neanche rotonda. E stendiamo un velo pietoso sull'inno americano (che dovete imparare a memoria, tutto) cantato dai tifosi con la manina sul cuore all'inizio di ogni partita. Ah, e di calcio non se ne parla. Mai.

Poi mi dite se volete fare gli americani...

0 Commenti

Scrivi un commento

Devi essere registrato per potere scrivere un commento.

Hai già un account Smemoranda?

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati
Advertisement