Tutti al mare (poesia da ombrellone)

di Guido Catalano

Storie di Smemo
Tutti al mare (poesia da ombrellone)

la sabbia nel culo
ustioni di secondo grado
la sabbia nelle palle
l’unto sulla pelle
il venditore di cocco di gomma
il catrame nei piedi
i bambini grassi che corrono e ti investono
i bambini magri che ti pigliano a pallonate negli occhiali

lo Tsunami

il mal di testa da insolazione
secchezza delle fauci
il sale nei capelli
le alghe nella barba
i tamarri che fanno i gavettoni
i bambini stronzi che calpestano il tuo bellissimo castello di sabbia
le ferite da scoglio
le ferite da riccio
la prova costume
la noia
l’ombrellone
i vicini d’ombrellone
le sdraio
i bagnini abbronzati

lo squalo

la doccia fredda
la birra calda
il gelato
le moto d’acqua
la spiaggia deserta
la spiaggia affollata
la spiaggia vip
la spiaggia gay
la spiaggia di stocazzo
il canotto
il costume umido
le radioline
le parole crociate
le parole del vicino d’asciugamano
le panze pelose
le chiappe chiare
le borse frigo

lo sbarco in Normandia

il beach volley
gli occhiali da sole
la protezione totale
la bandiera rossa
il doposole
il prima del sole
il sole
i nudisti
la canzone dell’estate
l’Inferno.