10.000 A.C.

di Silvia Belardi

Recensioni
10.000 A.C.


Titolo: 10000 A.C.

Trama:

In una tribù isolata non su un’isola ma tra le montagne, il giovane cacciatore D’Leh che siccome è molto carino chiameremo Belè, ha trovato l’amore della sua vita, la bella Evolet.
Ma quando una banda di cattivoni attacca il suo villaggio e rapisce Evolet, Belè si mette a capo di un piccolo gruppo di cacciatori per inseguire gli aggressori fino alla fine del mondo e salvare la ragazza.
In questo viaggio Belè e il suo gruppo incontrano numerose tribù,anch’esse precedentemente attaccate dai cattivoni mercanti di schiavi, e quindi solidali con i nostri eroi che si uniscono al viaggio.
Gli improvvisati guerrieri si trovano ad affrontare predatori preistorici e situazioni climatiche durissime, ma alla fine del loro eroico viaggio, durante il quale sono diventati ormai un esercito, scoprono una civiltà perduta e vengono a sapere che il loro destino è in un impero oltre ogni immaginazione. Qui dovranno affrontare un dio tiranno,dalla voce inquietante e il volto nascosto,che dirige tutta la baracca e una marea di schiavi per costruire le famose piramidi.
Il nostro Belè capirà ben presto che sarà chiamato a salvare non solo Evolet, ma tutta la civiltà.

Commento personale:
Se pensate di andare a vedere il primo introvabile mai visto reportage di Piero Angela,vi sbagliate.
Ci sono i buoni, i cattivi, i mostri, la vecchia che prevede il futuro, l’eroe, la bella da salvare, il popolo da liberare, l’onnipotente cattivo da sconfiggere e il lieto fine da sperare.

Commento ancor più personale:
Alla fine del film il nostro eroe, riceverà in regalo da un capo tribù, un sacchetto con dentro i semi da piantare per far crescere frutti e ortaggi vari.
Ora io mi domando: sto povero Belè, che prima vede la sua amata rapita, la insegue, combatte contro tutto e contro tutti,p er salvare la sua bella e tutto il popolo….per venire ricompensato con i semi per un misero orto?
Ma dai.
Almeno una premiazione, una targa, una medaglia, un’intervista su un canale nazionale, la copertina del ‘TIMES’ che ne so.

La frase: “Io ora ti libero, ma tu non mangiarmi”.

Il film:
Titolo originale: 10,000 B.C.
Nazione: U.S.A.
Anno: 2008
Genere: drammatico,avventura
Durata: 108’
Regia: Roland Emmerich
Cast: Camilla Belle, Steven Strait,
Cliff Curtis, Omar Sharif, Tim Barlow,
Suri van Sornsen, Marco Khan, Reece Ritchie, Mo Zinal
Distribuzione: Warner Bros
Data di uscita: 14 marzo 2008