11 App per sopravvivere alla scuola

di Colette Depero

Storie di Smemo
11 App per sopravvivere alla scuola

Ve la siete spassata quest’estate eh? Sveglia a mezzogiorno, spiagge fino alle 18:00, aperitivo lungo, balli sfrenati, limonage selvaggi, cornetto caldo alle 4 da Roma in giù, bombolone alla crema dal Po in sù, paninetto dal Tevere al Po. I vostri genitori hanno fatto finta di sgridarvi: segretamente se la spassavano anche loro. Ma adesso si torna a scuola. Credete, ci dispiace anche a noi per via del traffico.  Abbiamo pensato di farvi cosa gradita consigliandovi delle app che possono agevolarvi la vita da studente. È meglio che sappiate l’inglese: non tutte sono tradotte in italiano. Cominciamo:

1)   Evernote: Vi organizza i compiti, il lavoro e gli eventi sociali: si posso organizzare appunti, registrazioni, email… voto 10.

2)  Lemon Wallet: questa app è la mia preferita. Visto che io, pur avendo finito la scuola da un bel po’, perdo il portafoglio ogni 5-6 mesi (e la carta di identità, e la patente, ehi: dov’è il mio passaporto?).


3)   SleepCycle: Eccovi. Siete di quelli che non studiano per 3 mesi e poi c’è l’interrogazione di storia e avete 300 pagine da affrontare. Studiate tutto in 3 giorni, e non dormite che 3 ore. Controllatevi il sonno con questa app.

4)  Google Drive: Fantastica. Potete creare documenti, tabelle, condividerle. Già mi immagino una scientifica tabella con il più bello della scuola (coi voti alle diverse sezioni del corpo, come usa presso le corti dei liceali). O una tabella con gli update dei limonage. O una tabella condivisa con gli amici sul fantacalcio. I libri letti, ecc…


5)  IHomework: Vi organizza i compiti. Così la smemo la usate per i pensierini e i collage. Solo per Apple.

6)  Studyblue: E’ una app eccezionale: si possono creare schede per ripassare, in teoria si possono anche condividere (anche se temo che il bacino principale di audience sia inglese) I “reminder” vi ricordano i termini che non riuscite a memorizzare. La versione base è gratis. Quella Pro si paga. Esploratela, mi sa che vale la pena.

7)  Quickoffice: Ecchevelodiciamo a fare.


8)  Dizionari: Zanichelli è a pagamento, e costa sui 25 euro. Gratis è quello di wordreference. Sul sito del Corriere.it c’è poi il Sabatini Colletti. Eh, sta la crisi.

9)  Google Translate: Indispensabile per traduzioni veloci.

10) Free Graphing calculator: verificate se i vostri studi di funzione sono corretti, è gratis.


11) Snap2PDF: Converte le foto in pdf, così potete passarvi gli appunti con più facilità (c’è anche un sistema di riconoscimento dei caratteri) è a pagamento.