40mila(banco)note

di Redazione Smemoranda

Recensioni

Suona David, tu continua pure a suonare, mentre il mondo gira e continua a girare… Paolo lascia i soldi solo a quelli che suonano perchè da piccolo sognava di diventare un musicista. Non ci è riuscito e allora per compensare adesso lascia i soldi ai musicisti che suonano per vivere e vivono per suonare. Suona David continua a suonare, non smettere mai, noi crediamo in voi e qualche spicciolo con il cuore racconglierai… Sandra non lascia mai soldi ai musicisti che suonano sulla strada, ma solo perchè non li ha, altrimenti lo farebbe. Suona David, suona per me, per te, per tutti. Franco non lascia soldi a nessuno, però si ferma sempre ad ascoltare la musica e a volte si ferma pure a ballare su se stesso. Suona david. Suona amico mio e qualche spicciolo per mangiare avrai. La notizia David Juritz ha fatto una scelta di vita decisamente particolare. In passato solista e primo violino nell’orchestra inglese “London Mozart Players”, ha partecipato alla colonna sonora del film premio Oscar “L’ultimo Re di Scozia” ed ha registrato assieme al gruppo pop “Sugababes”. Poi ha deciso di mollare tutto e fare un tour – dedicato a Bach – molto particolare, lungo i marciapiedi delle città di tutto il mondo, come artista di strada, iniziato il 9 giugno scorso fuori da una stazione della metro di Londra, ma che ha toccato altre 50 città di tutto il mondo, tra cui Parigi, Vienna, Hiroshima, Kampala e New York. Le esibizioni in queste particolari location gli hanno fruttato oltre 40.000 Euro grazie alla generosità dei passanti. Guadagni che però Juritz dichiara che devolverà in beneficenza ad un’associazione che organizza corsi musicali per giovani che vivono nei paesi in via di sviluppo: «Tutto è andato meglio di quello che immaginavo. Anzi avevo messo in conto di essere arrestato, ma ciò non è accaduto». Una curiosità: i guadagno peggiore è stato proprio a Berlino, capitale della Germania patria di Bach raccogliendo appena 11 euro dopo un intero giorno passato a suonare. info: www.corriere.it